sabato 30 luglio 2011

Haiti, il contributo della Gran Loggia d'Italia




Il Gran Maestro ha inviato un contributo di solidarietà al Grand Orient d’Haiti per provvedere alle più incombenti necessità di coloro che vivono nei quartieri più poveri in condizioni igienico-sanitarie disastrose.

Tutti noi non abbiamo dimenticato l'immane tragedia che, non molto tempo fa, ha colpito il territorio di Haiti e la necessità di far pervenire in quei territori, devastati da un violento sisma, aiuti umanitari di ogni genere.

Solidarietà e fratellanza sono per noi massoni principi irrinunciabili che, come sempre abbiamo fatto, vogliamo tradurre in atti e fatti che possano essere di aiuto ai bisognosi.

Oggi siamo pertanto particolarmente lieti di comunicarVi che, sensibili al grido di aiuto del popolo haitiano vittima anche di una diffusa epidemia di colera che sta colpendo con estrema e particolare virulenza l'infanzia, abbiamo deciso di inviare un contributo di solidarietà al Grand Orient d’Haiti affinché possa provvedere alle più incombenti necessità di coloro che vivono nei quartieri più poveri in condizioni igienico-sanitarie disastrose.



La Comunione haitiana ci ha ringraziato inviandoci una lettera a firma del suo Gran Segretario Generale.


Fonte: Gran Loggia d'Italia


giovedì 28 luglio 2011

Crise humanitaire dans la Corne de l’Afrique



Le Grand Orient de France appelle la communauté internationale, l’Union Européenne notamment, à dépasser les déclarations de bonnes intentions concernant la crise humanitaire qui touche des millions de somaliens, de kényans, d’éthiopiens ou de djiboutiens. Le désintérêt depuis longtemps pour ces hommes, ces femmes et ces enfants débouche aujourd’hui sur une crise humanitaire exceptionnelle, indigne des pays riches dont le devoir de conscience est de leur venir en aide sans tergiverser.
 
Le Grand Orient de France déplore les différences de traitements dans la gestion par les Etats des crises financières d’une part et humanitaires d’autre part. Cette catastrophe ramène à de justes proportions les problèmes européano-européens, fussent-ils inquiétants. Il rappelle les termes de la Déclaration Universelle des Droits de l’Homme qui considère que la reconnaissance de la dignité inhérente à tous les membres de la famille humaine et de leurs droits égaux et inaliénables constitue le fondement de la liberté, de la justice et de la paix dans le monde. Ce préambule oblige les pays membres de l’O.N.U. de permettre à tous de se nourrir, de se soigner.
 
Seules la dignité humaine et la solidarité entre les peuples doivent animer l’aide internationale en faveur des populations concernées. Pour leur part, les francs-maçons du Grand Orient de France, via la Fondation du Grand Orient de France, se mobilisent en répondant présents à l’appel des Organisations Non Gouvernementales dont ils saluent l’engagement et l’abnégation.
 
 
Paris, le 27 juillet 2011
 
Fonte: GODF

mercoledì 27 luglio 2011

6 de Agosto 2011: Seminario para Aprendices 2011







Fonte: Anfora

GLNF - APPEL SOLENNEL AUX CHEFS DE L’ORDRE DE LA GRANDE LOGE NATIONALE FRANÇAISE: Union des Loges Régulières Françaises.





La Grande Loge Nationale Française étant en perte de « reconnaissance » successivement de la part des Grandes Loges Régulières du Monde, un appel à la création d »‘Union des Loges Régulières Française » a été lancé aux fins de préserver la régularité maçonnique chère aux cœurs des Frères.

Cette initiative serait du fait entre autre de Frédéric GARNIER, Vénérable Maître de la Loge La Fraternité Écossaise.
L’appel en question commence à circuler sur les blogs Myosotis et à trouver « preneur »…
APPEL SOLENNEL AUX CHEFS DE L’ORDRE 
DE LA GRANDE LOGE NATIONALE FRANÇAISE

Après la Grande Loge du Luxembourg, la Grande Loge Régulière de Belgique, les Grandes Loges Unies d’Allemagne, la Grande Loge d’Autriche, la Grande Loge Suisse-Alpina, la Grande Loge de Pologne, la Grande Loge Régulièred’Italie, la Grande Loge Régulièrede Turquie et la Grande Loge du Massachusetts, ce sont maintenant les Grandes Loges d’Angleterre, d’Ecosse et d’Irlande qui viennent de suspendre leur reconnaissance de la Grande Loge Nationale Française. 
Sanction des seules dérives de François Stifani qui aurait pu, comme le soulignent les Grandes Loges britanniques, mettre un terme à cette situation le 27 juin dernier, elle touche directement et rudement tous les Frères de la GLNF, qui risquent dès demain d’être mis au ban de l’infamie de la Maçonnerie Universelle. 
Sanction également de la direction d’une obédience qui s’est écartée des Landmarks et des principes de la Régularité quand la majorité des Loges continuaient à les maintenir dans des conditions souvent difficiles. 
En votre qualité de Vénérables Maîtres, Chefs de l’Ordre, et désormais seuls dépositaires de la Tradition et de la Régularité maçonniques, il vous appartient, au nom et dans l’intérêt des Frères de vos Loges de prendre toutes vos distances avec cette direction qui, avec la suspension de sa reconnaissance, a perdu aujourd’hui perdu toute légitimité. 
Moi, Frédéric GARNIER, Vénérable Maître de la Loge La Fraternité Écossaise, ayant signé récemment l’appel des Loges Régulières, venant d’être l’objet d’une sanction d’un pouvoir que nous ne pouvons plus reconnaître, pas plus qu’il n’est désormais reconnu, je déclare solennellement créer ce jour l’Union des Loges Régulières Françaises. 
En cet instant où le destin de la GLNF risque de basculer, j’invite tous les Vénérables Maîtres, seuls de l’Ordre à même de reconstruire ce que l’Ignorance, l’orgueil, l’ambition et l’amour des métaux ont détruit, à se joindre à moi avec les nombreuses Loges qui ont déjà suspendu provisoirement leurs relations maçonniques avec une obédience déconsidérée et à faire entendre, dans le cadre de cette Union, leur rejet sans équivoque. 
Nous appelons également sans exclusive, toutes les forces d’opposition, constituées ou non, à se joindre à cet appel afin de confirmer devant la Maçonnerie Universelle que les Francs-maçons de la Grande Loge Nationale Française restent unanimement et inconditionnellement attachés aux principes de Reconnaissance et de Régularité et qu’ils en sont aujourd’hui l’unique et légitime expression.

Fait à Tours le 21 juillet 2011

Fonte: gadlu.info

venerdì 22 luglio 2011

Viterbo - 22 Luglio 2011 : Tuscia Operafestival, cento giovani artisti impegnati nella preparazione de “Il Flauto Magico”

 Sono 100 i giovani, tra Orchestra, Coro e solisti che Il 22 luglio parteciperanno alla messa in scena, nell’atmosfera incantata di Piazza San Lorenzo a Viterbo, de “Il Flauto Magico” di Mozart. Provenienti da tutto il mondo e selezionati attraverso audizioni internazionali nelle più prestigiose Università Musicali di Stati Uniti, Cina, Giappone, Kuwait e Korea,

saranno guidati alla regia da Gordon Ostrowski, che in qualità di capo di dipartimento dell’Opera Studio di Manhattan School of Music di New York, dimostra di essere molto abile nel guidare questi giovani artisti a muoversi all’interno del libretto di Emanuel Schikaneder.

Negli ultimi dieci anni, molti di questi talenti che hanno partecipato ai corsi dell’ International Lyric Academy, sono passati attraverso le regie di Mr. Ostrowski, come Adam Diegl, o Adrian Ganz, oggi protagonisti sulle scene internazionali dell’Opera Lirica in teatri come il New York City Opera o il Metropolitan di New York.

Maestro Concertatore e Direttore sarà Stefano Vignati che da diciassette anni è anche Direttore Artistico di questa prestigiosa Accademia internazionale che oltre hai nomi già citati ha avuto la soddisfazione di avviare alla carriera cantanti di indiscusso livello come Mardi Byers, Daniel Montenegro, Maris Vipulis e Dominique Moralez.

Il maestro Vignati propone per questa produzione un mix internazionale di linguaggi che mantiene la lingua originale tedesca per per il canto, l’inglese per i dialoghi tra i personaggi, ed un testo narrativo in italiano scritto da lui stesso e affidato ad un attore esperto: Antonio Giuliani. La scelta è stata pensata con lo scopo di facilitare la comprensione della storiaoltre che ad un pubblico di appassionati, anche ai più giovani ai primi approcci col genere, cercando con l’ aiuto della simpatia di un attore come Giuliani, di accompagnarli lungo un percorso didattico e formativo che possa nel tempo dare i suoi frutti in termini di ricambio generazionale. A sostituira Antonio Giuliani per le repliche a partire dal 23 Luglio, sarà il volto e la voce nota di Paolo Manganiello.

Grazie alla collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma, che ha concesso le scene ed i costumi di un famosissimo allestimento del passato creato dal grande Pier Luigi Pizzi. L'opera in due atti su libretto di Emanuel Schikaneder, confratello in massoneria di Mozart fu rappresentata per la prima volta. a Vienna nel 1791.

Il flauto magico (K 620), titolo originale Die Zauberflöte, è un Singspiel - che significa letteralmente "canto e recitazione - un genere operistico in voga tra il XVIII e il XIX secolo sorto e sviluppatosi in area tedesco-austriaca. A differenza dell'opera italiana che prevede recitativi cantati, nel Singspiel i recitativi sono parlati, come nel teatro di prosa. Questo genere, come anche la ballad opera inglese, dell'opéra-comique francese e della zarzuela spagnola, è una forma di teatro popolare destinato a piccoli palcoscenici anticipa l'operetta. I soggetti sono in genere fantastici, favolistici o parodistici, di facile presa sul pubblico, ma il Singspiel viene nobilitato e sviluppato grazie all'interessamento di grandi musicisti come, ad esempio, Ludwig van Beethoven e Carl Maria von Weber per realizzare le loro opere "tedesche", Fidelio e Der Freischütz.

Il Flauto Magico ha vari livelli di lettura e può essere interpretato come fiaba per bambini, come racconto massonico, o come storia dal puro contenuto illuminista. La vicenda racconta però anche lo sviluppo di un individuo che, giovane privo di conoscenza e debole, diventa saggio, sapiente ed “uomo” attraverso la scoperta dell’amore ed il superamento di varie prove iniziatiche.

Questa fu l’ultima opera teatrale di Mozart e fu composta in una piccola costruzione nel cortile del teatro Auf der Wieden che quell’ano da Emanuel Schikaneder, vecchio amico del compositore, nonché librettista della stessa opera, oltre che attore, cantante ecc. Schikaneder propose a Mozart di musicare il libretto fantastico del Flauto Magico, per stracciare la concorrenza del teatro rivale gestito da Marinelli, dove già si allestivano spettacoli del genere. La sera del 30 settembre 1791 l’opera va in scena ed è lo stesso Mozart a dirigere. L’opera ebbe subito un successo trionfale, ma Mozart riuscì a dirigere solo le prime tre recite, perché morì pochi mesi dopo.

Fonte: OnTuscia.it

Chaîne d’union n° 57 : Franc-maçonnerie : L’initiation des femmes fait débat

Le dernier numéro (57) de la Revue d’Etudes Maçonniques, Philosophiques et Symboliques « La Chaîne d’Union » publiée par le Grand Orient de France, vient de paraître avec un dossier consacré à l’Initiation des femmes…
Résumé :
Après de multiples péripéties, le Grand Orient de France est entré dans une nouvelle phase de son histoire. Au Convent de 2010, pour la première fois depuis près de trois siècles, une déléguée montait au lutrin pour prendre la parole. Le Convent avait préalablement voté, à une courte majorité, un voeu réaffirmant l’interprétation de la Chambre de justice maçonnique : rien dans le réglement général n’interdisait l’initiation des femmes.
Bien entendu, il n’appartient pas à la Chaîne d’Union de s’immiscer dans un débat qui ne devrait être tranché que par les instances législatives et judiciaires de l’obédience. Plus modestement, ce numéro veut éclairer la nouvelle donne en offrant la parole aux dignitaires de l’obédience, ainsi qu’à des Frères et des Soeurs qui viennent nourrir le débat. Ce dernier n’est pas clos, et ce dossier n’a comme ambition que d’apporter des éléments pour l’éclairer.
Sommaire :
Editorial
la spécificité du Grand Orient – Jean-Louis VALIDIRE
Matière à débats
Le GADLU à ciel ouvert – Georges LERBET
Au commencement était le Verbe… Maurice WEBER
Mais pourquoi donc Job les fascine-t-il tellement ? – Jean-Marc BERLIOUX
Le puisatier a eu deux filles – Jean-Louis COY
L’innocence qui fait peur – Jean-Louis COY
Dossier : L’initiation des femmes fait débat
« La spécificité du GODF, c’est de laisser la souveraineté aux loges » – Entretien avec Guy ARCIZET
Une affaire de conviction intime – Jean-Robert RAGACHE
« La formule retenue par le GODF est transposable aux Chapitres du Rite Français » -  Entretien avec Jean-Pierre CATALA
Au début du XX  siècle, le Grand Orient reflète les préjugés de la société – Denis LEFEBVRE
Un débat « qui nous vient du passé et tend vers l’avenir » – Laure CAILLE
De l’initiation des femmes et de la mixité – Peter BU
Le vécu maçonnique mixte éclaire les données de l’initiation-  Brigitte CASTELLA
Etudes et recherches
Franz Liszt sous le bandeau – Didier LE MASSON
In Mémoriam
Charles Porset : un voltairien passionné – Jean-Louis COY
Notes de lecture
Notes de lecture – Irène MAINGUY

Fonte: Gladu.info

giovedì 21 luglio 2011

GRANDE LOGE NATIONALE FRANÇAISE




20 Ju1y 2011
At the June Quarterly Communication of Grand Lodge the President of the Board of General Purposes made a statement about the turbulence existing in the Grande Loge Nationale Française ("GLNF") and indicated that the Board would continue to monitor the situation closely.
The Board regrets that the situation within the GLNF has deteriorated, with some 600 or more Lodges dissociating themselves from that Grand Lodge or indicating that they will be doing so. This means that it is now an impossible task for our Lodges to know which French Masons may properly visit our Lodges and which may not.
Harmony within Lodges and with fellow Masons has always been one of the customs and usages of Freemasonry. This is a fundamental principle urged upon candidates at their initiation. Indeed, it is so fundamental that it has never been considered necessary to enshrine it as a Rule in the Book of Constitutions, though the "Antient Charges" which are published as a part of the Book of Constitutions urge the cultivation of brotherly love, "avoiding ail wrangling and quarrelling, aIl slander and backbiting".
The Board considers that the GLNF may be in breach of Paragraph 8 of the Principles for Grand Lodge Recognition - "That the principles of the Antient Landmarks, customs, and usages of the Craft shall be strictly observed" - which are also included with the Book of Constitutions. While the evidence of substantial disharmony within the GLNF is overwhelming, the Board is reluctant at present to recommend withdrawal of Recognition, but will recommend in its Report to the September Quarterly Communication of the Grand Lodge that relations with the GLNF be suspended.
The consequences of such suspension will be that:

1. our Brethren will no longer be permitted to join or to visit Lodges under the GLNF; and

2. our Lodges will no longer be pennitted to elect as a joining member or admit as a visitor any Brother who is a subscribing member of a Lodge under the GLNF, unless he is also a subscribing mernber of a Lodge under DGLE or under a Grand Lodge, other than the GLNF, recognised by UGLE.
This suspension will not force any of our Brethren who are currently also members of Lodges under the GLNF to resign from any such Lodges; nor will it prevent such Brethren from continuing to exercise, as mernbers of Lodges under the GLNF, such rights, including those of visiting, as they enjoy under the GLNF.

The Board hopes that, although a formal suspension of relations with the GLNF cannot be achieved until Grand Lodge meets on 14 September, you will encourage the Brethren of your Lodges to act in the meantime as though the above restrictions were already in force.
If you or your Provincial Grand Secretary, to whom a copy of this letter is being sent, have any questions at all about the scope or effect of these restrictions, please get in touch with the Assistant Grand Secretary (...@ugle.org.uk; tel nr).

Needless to say, the Board also hopes that it will not be too long before harmony is restored within the GLNF so that we may resume normal relations with our Brethren in France.
Yours sincerely and fraternally,

, . .
Grand Secretary
Distribution: Provincial Grand Masters Provincial Grand Secretaries
Grand Superintendents and District Grand Masters (for information) Provincial and District Grand Scribes E (for information)

Les GGLL d’Angleterre, d’Irlande et d’Ecosse suspendraient la reconnaissance à la GLNF

Les Grandes Loges d’Angleterre, d’Irlande et d’Ecosse suspendraient leur reconnaissance à la Grande Loge Nationale Française, l’info a été annoncé par le « Myosotis Ligérien In English » et aussitôt répercutée sur tous les blogs Myosotis Français, et sur le site de « Franc-Maçonnerie Régulière » dans un article co-signés Claude SEILER et Dominique MOREAU.
Aucune déclaration écrite n’a été encore publiée mais les bruits de couloirs annoncent d’ors et déjà que cette déclaration serait parvenu au siège de la Grande Loge Nationale Française…

Fonte: Gladu.info

martedì 19 luglio 2011

21/26 Luglio 2011 - Ciudad del Carmen: Congreso Nacional A.·.J.·.E.·.F.·.




 
Tiene el gusto de saludar a cada uno de los presentes e informa que sus columnas se encuentran más firmes que nunca.
El Taller A.J.E.F., Fernando Enrique Angli Lara #1, tiene a bien a invitarlos a participar en el Congreso Nacional 2011, en esta C.d. y puerto del Carmen que es una isla de ilusiones, tradición, belleza natural pero sobre todo fraternidad, estamos seguros que este evento, traerá para la Isla del Carmen una gran oportunidad para su estrechar lazos de fraternidad y amistad con todos los orientes hermanos de la República Mexicana.
Ciudad del Carmen y el Estado de Campeche se ha desarrollado de una manera muy especial desde que el Ajefismo se inició hace ya un poco más de 35 años, pero nunca se tuvo la oportunidad de realizar tan magno evento. Estamos orgullosos de nuestra isla, de nuestro glorioso Estado, de nuestras raíces, de las costumbres y de esa esencia que solo aquí en Carmen se puede sentir, y queremos demostrarle a todo el país de lo que es la Isla del Tris y el Estado de Campeche, por eso y porque el Ajefismo y la masonería en Carmen esta mas unidas que nunca y por que queremos contribuir con la unificación del Ajefismo mexicano que tanta falta nos hace.
El H. Taller A.J.E.F. “Fernando Enrique Anglí Lara Nº 1” apoyado por nuestro Gran Oriente, se encuentra preparado y así mismo la comunidad Carmelita para llevar a cabo un evento de tal magnitud, para tomarlo con gusto y responsabilidad.
Los ajefistas de la república mexicana, necesitamos estar unidos para superar los errores y problemas, cansados estamos de las etiquetas que tanto daño han y están haciendo a nuestra institución, por lo que los AJEF tenemos que poner el ejemplo, y unificarnos para cambiar y erradicar los errores de los que tanto daño nos hacen, somo jóvenes y encausaremos nuestras energías para fortalecer la unidad de el AJEFISMO nacional.

FRATERNALMENTE
Ajefismo Carmelita
 
Fonte:  A.·.J.·.E.·.F.·.

sabato 16 luglio 2011

Messina - Sabato 16 luglio · 17.00 - 19.30: Funerali Massonici del Serenissimo e Potentissimo Fr.·. Gaetano Musicò Barone Von Harten 33.·.

I Funerali Massonici del Serenissimo e Potentissimo Fr.·. Gaetano Musicò Barone Von Harten 33.·.si terranno in Messina in data 16 LUGLIO p.v. alle ore 17:00, in Via CANNIZZARO (vicino stazione FF.SS.)

venerdì 15 luglio 2011

Uno Stimolo... Risposta...


Nei giorni scorsi ho ricevuto un'email da un Fratello [Leggi..], e nel riflettere sulla risposta più idonea, ho chiesto a Voi Lettori di darmi una mano... Tra le innumerevoli risposte pervenutemi  ho scelto questa del G.·.M.·. Fr.·. Giuseppe Bellantonio.·.

Giuseppe Bellantonio

All'Illustre Signor
Vincenzo Rizzuto
Coordinatore del sito
“NOTIZIARIO MASSONICO ITALIANO”

Pregiatissimo Signor Rizzuto,

non vorrei che – raccogliendo il Suo cortese, ma anche interessante invito circa un certo qual “stimolo” implicitamente originato da alcune note a Lei dirette – si pensasse che io possa essere incline ad una qualche forma di personalismo ovvero protagonismo. Mi piace cogliere, questo è vero, ogni opportunità utile ad offrire spunti di riflessione e di corretta informazione, come pure i risultati di un qualche studio storico o approfondimento iniziatico. Penso che ve ne sia bisogno, per agevolare l'altrui crescita, aiutando così anche la mia crescita interiore. 
Vengo al Suo “appello” - che in verità mi sembra invece avere aspetti assimilabili a quelli di un sasso lanciato con non chalance in uno stagno – per offrire delle mie considerazioni: circa le quali il Suo corretto omettere nomi e/o riferimenti certamente mi agevola, consentendomi di esprimermi in modo assolutamente generale. 
 Ultimamente, navigando in rete – una pratica assimilabile allo zapping televisivo – mi sono imbattuto in notizie che con il vero mondo iniziatico ed in particolare con la Massoneria, in realtà poco hanno a che vedere. 
Ho colto un pullulare di interventi, anche – per così dire – autorevoli zeppi di una retorica che stona fragorosamente con le singole realtà; articoli e relazioni generati da maldestri copia-incolla (e quindi privi di alcuna originalità); addirittura siti che scopiazzano di qua e di là, denotando un'assoluta carenza di idee in uno ad una vocazione di arrampicarsi sugli specchi degna di spiderman, addirittura giungendo alla perversione di copiare senza capire cosa si stia copiando (probabilmente per ignoranza delle diverse lingue di provenienza). Motivo per cui si può notare uno scritto – che so? - in cirillico, dove in origine si parlava di una pomata per lenire bruciori alle parti intime, riportati in bella mostra; o scritte in bulgaro o arabo o cinese o indi o russo o turco dove si tratta del travaglio dei tuffi di Olga Granpotaska nelle acque troppo fredde del Lago Baikal, del furto di uno pneumatico di terza mano su un camion di Tunisi, di un'asina dalle qualità portentose nel kolkhotz di Ilia Petrov, della lite di Deng Ping con Xiao Pong (che sia proprio quella che ha dato vita al... ping-pong?), della preoccupazione di Indira per il ritardo del marito in viaggio su un vecchio e asmatico treno, o... 
Il tutto riportato con una soavità disarmante; quasi che i lettori che si abbeverano di queste particolarissime pagine del web siano furiosamente avidi di notizie da quei lontani lidi (poco importa che non capiscano un'acca di ciò che non sanno neanche leggere, ignorandone la lingua: ma se il testo è riportato su un sito di notizie (sic!) massoniche, poco importa che io non ne capisca una sillaba, perché certamente do per scontato che parli di massoneria o della massoneria di quel paese, e che – visto che è riportato su Internet – è certamente importante). I danni, con tutta evidenza, non possono che essere evidenti e profondi: chiunque possa essere a provocarli o anche solo a concorrere in ciò, pur nella massima buona fede (il che non può equivalere a bendarsi gli occhi, o chiudersi le orecchie, o tamponarsi il naso). 
Tutto questo – forse poco utile – preambolo, Egregio Signor Rizzuto, per offrirLe un'idea, in verità maturata già da qualche tempo: sul “Notiziario” non possono che essere evidenziate notizie di importanza generale, con il cui “strillo” si possa accendere la curiosità dei Lettori, per poi condurli ad una lettura anche delle altre Sezioni. Le notizie che non assumano queste connotazioni – cioè il carattere di interesse generale delle notizie proposte per la pubblicazione (o, meglio: proposte per essere esaminate e valutate, ai fini di una eventuale pubblicazione. Il che conduce diritti diritti a ciò che rientra nei diritti specifici in capo ad un Editor) devono essere collocate in un file specifico. 
Un file che racchiuda quindi le varie voci e le varie anime che emergano da nascite, divisioni, moltiplicazioni, o quant'altro possa maturare in un raggruppamento massonico o iniziatico: notizie che sono da considerarsi “interne” e diffuse solo a scopo conoscitivo, che quindi riguardino il “particolare” piuttosto che non il “generale”. 
Ritengo infatti che l'Editor del “Notiziario” - che non è “voce” di alcuna aggregazione o comunità iniziatica - non può assumersi responsabilità, per così dire “certificative”, circa contenuti (lo dico sempre in linea generale) non verificabili o non sottoscritti o ancor peggio anche solo velatamente animati da una vis polemica. 
Cosa accadrebbe se, alla pubblicazione di una notizia, qualcuno – e la cosa non è rara... - eccepisse che i tizio o caio non si sono allontanati ma sono stati cacciati dal gruppo di appartenenza? Cosa accadrebbe se ad essere eccepiti fossero i contenuti di un titolo distintivo, o della validità di una dignità, di una carica o di un incarico? O che un se-dicente Sovrano o Gran Maestro o semplice Copritore Esterno in realtà non abbiano raggiunto il giusto grado? Accadrebbe il caos: l'Editor si troverebbe obbligato a pubblicare la smentita, e poi l'eventuale smentita della smentita: ma ci pensate? 
Il caos. 
La notizia “particolare”, deve quindi essere ospitata in una sezione altrettanto “particolare” che chi sia interessato alla consultazione possa frequentare a proprio piacimento, ma sempre per proprio uso personale. D'altronde, occorre essere più realisti del re: la cittadella massonica ha la toponomastica di una città reale, con un centro ed una periferia; tutti sono abitanti della stessa città, ma la cronaca, per una pluralità e complessità di motivi – anche ovvi - porta a citare maggiormente il centro storico che non le strutture periferiche. Strutture – queste - che sempre di calce, acciaio, marmo e mattoni sono costruite, non difformemente dalle altre e che sono abitate da identici cittadini. Come accade nelle città reali, l'aspirazione dei cittadini è quella di spostarsi verso il centro: un movimento naturale, questo, ma che ha profonde radici motivazionali. Così come nel nostro ambito: è quindi corretto esaltare l'uguaglianza dei cittadini tra di loro, ma non è altrettanto corretto sostenere una qualche somiglianza tra “centro” e “periferia”, che hanno “pesi” e “misure” diversi; se si dovesse dare spazio, ad esempio, solo alla nascita di novelli aggregati, il “Notiziario” ne conterebbe almeno una a settimana. Non a caso, un mio censimento personale, in Italia conta circa 300 tra gran logge (poco “Gran”, che spesso non annoverano neanche le tradizionali sette logge di base) o supremi consigli (poco “Supremi”, spesso costituiti da soggetti o auto-proclamatisi sovrani o autoreferenziali ed a loro volta impudici “somministratori” di gradi scozzesi e non). 
Tornando ora sulle Sue righe – Illustre Signor Rizzuto – e sintetizzando il mio pensiero, così come sopra esposto, direi che la Massoneria Italiana ha più bisogno di felicitarsi della notizia di “matrimoni” (con un effetto moltiplicatore, quindi) piuttosto che non di “separazioni” o “divorzi” che, così come avviene nella Famiglie profane, conducono a “famiglie allargate” o a nuove aggregazioni in cui elementi provenienti da pessime esperienze vissute si ritrovano anche solo per respirare un'aria diversa. Con questo, così come sostengo nelle mie note riferite a San Giovanni Evangelista, è segno dell'esistenza di una volontà di pulizia e di una forte energia di rinnovamento se dei Fratelli si dissociano da contesti dove la Massoneria è mal-vissuta e solo considerata come la targa da appendere ad una nuova bottega, per attirare nuovi clienti. Ma è altrettanto vero che a questi boni vires ho suggerito di mantenere le loro specificità e la loro riacquistata sovranità e autonomia, fin quando non individueranno una nuova e diversa aggregazione con cui decidere di avviare una rinnovata esperienza comune. 
In un recente articolo della più diffusa rivista scientifica italiana, leggevo come dal dopoguerra ad oggi – un spazio temporale di “soli” 66 anni, quindi – la vita umana sia cambiata più dei XX secoli precedenti: modalità della vita, intelligenza, capacità fisica, organizzazione cerebrale, sessualità, dimensioni corporee, lavoro, cambiamenti nei sistemi complessi delle relazioni, delle comunicazioni e dell'interazione, portano a considerare l'essere umano come completamente diverso da prima, quasi fosse un'altra specie; se la precedente era “umana”, questa – definibile, con ambivalenza informatica, 2.0 – potrebbe essere tranquillamente definita “super-umana”. 
Proprio questo, di riflesso, mi ha condotto ad un'altra considerazione : quanto poco è cambiata la Massoneria – ovvero: i Massoni che la compongono – negli ultimi 66 anni: divisioni e diaspore, crescenti manifestazioni di irregolarità nei lavori e di irritualità negli stessi, la moltiplicazione esponenziale ed abnorme dei contesti, mi fanno pensare ad un regresso o – con una considerazione molto, ma molto benevola – una stasi (ma già la stasi, è di per sé negativa: palesa un'assenza di progressi). 
Con questo credo di aver dato una risposta o, se vogliamo, una “non risposta” diplomatica, ma densa di “risposte” per chi sappia inter ligere o abbia solo quella pur minima preparazione esoterica, rituale, filosofica e storica che – solo per un attimo – faccia allontanare dall' “io” per ritrovare la parte più degna del “se”. Diversamente si rischia di cadere nell'inganno del “tritatutto”: che simula soltanto di riproporci cose nuove, per offrirci invece una materia in realtà inconsistente e priva di qualunque possibilità di apportare energie concrete. Come un pezzo di carne, inerte, macinata più e più volte e ormai sfibrata, colorata artificialmente, alla quale ognuno cerca di dare la forma a lui più congeniale; un pezzo di carne, almeno all'origine, al quale - dopo tutte le manipolazioni - non si può dare che il nome che le può competere: polpettone. 
Il “solito polpettone” o la solita “polpetta avvelenata”. Purtroppo. 
Nel porgerLe i miei migliori saluti, Egregio Signor Rizzuto, non posso tralasciare di augurare a Lei ed al “Notiziario” una crescita feconda e mai faconda, senza così cadere nei facili trabocchetti che la polemica ama tendere: specie alle persone che, buone per costituzione interiore, non sono avvezze a cogliere la malizia delle parole. A volte più dolorosa di quella dei fatti.


Roma, 14 Luglio 2011                                                         f.to Giuseppe Bellantonio

Viale Leonardo da Vinci, 114 – 00145 Roma (RM) 
e-mail: giuseppebellantonio@infinito.it

 
__________________________________________________________________ 

Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 
     __________________________________________________________________

giovedì 14 luglio 2011

14 Luglio 1789 – 14 Luglio 2011: Rivoluzione Francese: Storia vecchia senza futuro?


Ieri

La data del 14 Luglio 1789 è entrata prepotentemente a far parte della Storia dell’Evo Moderno, andando ad assumere un significato che – di là del momento storico in cui la Rivoluzione Francese si è manifestata, e dei suoi sviluppi successivi – è ancora attuale e di volta in volta si rinnova nel suo significato essenziale.
Questa data, infatti, coincide con la “prima” fine, peraltro cruenta, di una configurazione amministrativo-politica che ha un nome ben preciso: lo “stato assoluto”.
Questo evento epocale, a sua volta, si concatena con tutta una serie di avvenimenti due dei quali, a loro volta, hanno lasciato impronta profonda nella Storia: la Rivoluzione Industriale e la rapida aggregazione e metamorfosi di genti in popolo, e da popolo in nazione. L’esempio tipico di nazione dapprima separata e successivamente unita, con il mantenimento di una forte identità e di un vigoroso spirito patriottico, ha un punto di riferimento preciso negli Stati Uniti d’America.
Se la Rivoluzione Francese segnò la caduta dello Stato Assoluto sotto la lama della ghigliottina, la Rivoluzione Industriale segnò l’avvio di una nuova e diversa fase nel mondo del lavoro, arricchita da quella visione liberista che caratterizzò l’apertura dei mercati al Libero Scambio: una crescita lenta e continua, un vero e proprio processo moltiplicatore che – nei fatti – è stato il precursore e l’innesco stesso di quella mutazione planetaria che ha il nome di Mercato Globale.
Se poi concentriamo la nostra attenzione sulla nascita degli Stati Uniti d’America, notiamo che il corso della Storia, diviene vera e propria “corsa”: da quando iniziarono i primi fermenti dei coloni giunti dall’Europa, per poi passare agli episodi della Rivoluzione Americana e della dichiarazione di Indipendenza, prima, e poi della contrapposizione tra Stati del Nord e Stati del Sud, ed infine quelle appassionate e cruente pulsioni che caratterizzarono la nascita della moderna Nazione Americana. Una Nazione nata con rapida progressione, e che ancora oggi è all’avanguardia in moltissimi campi.
Questi tre grandi avvenimenti storici, che si dipanano nel corso di alcune centinaia di anni, pur se diversi tra loro sembrano caratterizzati da una serie comune di fattori che è utile ricordare: il continuo, tendenziale, progresso dell’umanità; gli stimoli alla crescita ed al miglioramento dell’individuo; l’insopprimibile anelito di libertà che è insito in ogni essere umano.
Attorno a questi elementi, che costituiscono le radici dell’Albero della Storia, vi è tutto un corollario di micro e macro eventi che ne caratterizzano la crescita. Certamente, una crescita con luci ed ombre, ma comunque un progresso continuo dell’umanità: un’umanità preda delle passioni, dell’avidità, del desiderio di comandare e prevaricare; un’umanità lacerata da guerre e divisioni; un’umanità dove l’uomo, esaltato ma anche tormentato dal proprio “ego”, è il più feroce nemico di se stesso e dei propri simili.
Ma anche un’umanità che è cresciuta e si è sviluppata progressivamente grazie alle scoperte ed alle innovazioni tecniche, scientifiche e della medicina; che dall’aratro è passata all’economia di mercato, alla conquista dello Spazio, all’informatica estesa, ad Internet.
La Rivoluzione Francese, quindi, ha sempre assunto un significato particolare per raffigurare lo stimolo e lo sforzo di quei popoli che, anche con il sacrificio di moltissime vite, hanno cancellato divisioni di casta e classi – ricordate? Clero, Nobiltà e Terzo Stato - trovando la forza di ribellarsi all’oppressione, avviandosi così verso un percorso di Libertà e Democrazia.

Oggi
In tutti questi passaggi, appaiono caratterizzanti e costanti il desiderio di libertà, la ricerca di un futuro migliore, il miglioramento della propria condizione; tutte situazioni legate tra di loro da un filo colorato e talvolta ruvido.
Questo filo – simbolicamente e nella sintesi che, in questa sede, vuol ricondurre all’essenziale – ha il colore dell’ideologia, quello dell’idealità, e quello delle idee.
Tre parole apparentemente assonanti, ma che hanno in comune solo la radice arcaica, quella che riporta all’individuo ed alla sua possibilità di pensare e di elaborare tali pensieri per trasformarli in azioni; per il resto, queste parole – sempre “grazie” all’essere umano, costantemente imperfetto ma perfettibile, e quindi tendente alla perfezione sia nel suo “essere” sia nel suo “divenire” – hanno assunto significati a volte contraddittori, talvolta dando luogo ad azioni del tutto opposte a quanto di positivo in esse fosse contenuto.
Parlare, oggi – XXI Secolo dell’Era Moderna (o dell’Era Post-Moderna? O dell’Era Informatica?) di Rivoluzione Francese, per molti, potrà apparire strano, così come agli occhi dei più sembrano appannati o addirittura superati – stando ad alcuni sondaggi – gli ideali, le stesse motivazioni storiche e le loro ripercussioni dirette ed indirette sulla Storia di oggi.
Però, pensate bene: ogni rivoluzione, ogni cambiamento, ogni regime assoluto che crolla, ogni dittatura abbattuta, oggi come allora avviene nel rispetto del trinomio “Libertà, Uguaglianza, Fratellanza”, lo stesso che ancora campeggia sulla bandiera della Francia. Parole, idee e concetti essenziali e semplicissimi, eppure talmente forti da muovere le montagne: talvolta in modo lentissimo, altre volte in modo sorprendentemente veloce, anche dopo anni ed anni di immobilismo.
Sono in molti a non raccordare più gli avvenimenti straordinari del 1789 a quelli di un recente passato ed a quelli di oggi: però, se si riflette brevemente, c’è un unico filo che lega la Storia di ieri a quella di oggi.
Credo che se dovessimo raffigurare oggi come sia suddivisa la società contemporanea, ci troveremmo in seria difficoltà: le condizioni etniche, religiose, economiche ed amministrative dei popoli sono molto diverse tra loro e talvolta radicalizzate da secoli di incomprensione e stasi nella crescita. Pur se la Rivoluzione Industriale ha fatto da innesco a quel Mercato Globale in cui tutti viviamo, pur se è vero che molto dev’essere ancora fatto per eliminare squilibri ed ingiustizie, è pur vero che – a meno di veri e propri castranti suicidi collettivi, di gente che intenderà rinunciare a se stessa e ad ogni ragionevole prospettiva di crescita e di sviluppo – il futuro dell’umanità è idealmente racchiuso in un enorme albero dal tronco possente e dalla chioma immensa, legato alla terra dalle tanti radici – razze, popoli, etnie, religioni, culture – di cui è costituito.
Se in molte nazioni la “classe operaia” è scomparsa trasformandosi in “piccola borghesia”, in molte altre esistono livelli di sfruttamento inconcepibili con lo status di progresso in cui ci troviamo: purtroppo, fame, povertà e sfruttamento – mentale e fisico – delle genti continuano a convivere con il benessere, l’abbondanza e la ricchezza di pochi.
Ma affermare che sia una “colpa” vivere nel benessere, mentre c’è chi ancora si dibatte nella pochezza e nella povertà, è un “non senso” ed una vera e propria mistificazione psicologica, quasi a voler colpevolizzare chi, per destino e non per propria scelta, sia nato in un luogo piuttosto che in un altro: così come “essere poveri” non può essere una colpa, anche lo “stare bene” non è una colpa. Sarebbe un falso ideologico ed una pura mistificazione demagogica chiedere di “essere tutti poveri” se non si può “essere tutti ricchi”; ma possiamo batterci affinché “tutti stiano meglio”, ed affinché chi ha maggiori possibilità aiuti il suo fratello più bisognoso.
E’ il miglioramento, la crescita, la chiave di volta dello sviluppo tanto del singolo che della collettività: e non si può vietare ad alcuno, pur con mille motivazioni pretestuose, di crescere e di guardare al futuro con fiducia.


Domani
E la Storia di domani? E’ ancora valida la lezione della “Rivoluzione Francese”?
Per chi crede nei “corsi e ricorsi storici” – cioè, nel ripetersi, ad un certo numero di anni di distanza, di eventi storici di gran rilevanza somiglianti a quelli avvenuti in precedenza -; per chi crede che la bandiera “Libertà, Uguaglianza, Fratellanza” svetta e svetterà ancora alta, per chi confida che “Democrazia, Famiglia, Rispetto dei Diritti Umani, Tolleranza, Disciplina, Unione, Pace, Giustizia” non sono solo parole da usare e sbandierare in occasioni solenni quanto vuote; per chi crede nel Dialogo e nella Tolleranza quali insostituibili strumenti per riportare – con metodi di confronto corretti e leali, e non con il crepitio delle armi - Pace, Serenità e Prosperità nei luoghi più tormentati di questa Terra; per chi crede in ciò, la Storia di ieri è anche la Storia di oggi, ed “oggi” è già “domani”.
Torniamo all’essenziale, alle radici più autentiche e nobili del nostro essere, non perdiamoci nelle parole, abbandoniamo le facili retoriche e soprattutto allontaniamoci dalle ideologie coercitrici del libero pensiero!
Dalle ideologie possono scaturire solo idee ed azioni che tentano di piegare e modellare la realtà a propria somiglianza: dei mostri. Purtroppo, ciò avviene solo in modo “unidirezionale”, impregnando la realtà di demagogia: con questo sistema, difficilmente si realizzeranno spinte efficaci ad affratellare con concretezza e lealtà genti, popoli e nazioni in un unico gran respiro. Avremo solo eserciti di soldatini, allineati qua e là nel mondo, con i paraocchi e senza diritto di pensiero autonomo, alla mercé di questo o quel comandante supremo (ma comunque sempre di passaggio, su questa Terra). Qualunque corrente di pensiero contraria a siffatta ideologia è quindi vista non solo con sospetto – poiché potrebbe dare il via a critiche, rivendicazioni, pulsioni ed irrefrenabili movimenti di liberazione ed affrancamento - ma è anche osteggiata, derisa e svilita con una critica aprioristica, aspra e denigratrice: distruttiva e mai costruttiva.
Questi comportamenti, che talvolta sfuggono a chi è coinvolto in questi processi – certamente “non virtuosi” e che esaltano il livellamento verso il basso -, ripropongono fraseologie e temi non solo vecchi ma anche superati dalla Storia, e mostrano come possano essere rabbiose le reazioni di chi soffra l’accerchiamento di persone che accettano le novità, le condividono e le vivono con animo realmente democratico e partecipativo. Chi si affida al Lavoro ed alla Democrazia per costruire un futuro colmo di prospettive concrete e positive – il cui raggiungimento ha certamente dei costi in termini di sacrificio -, opera perennemente all’insegna del motto “Libertà, Uguaglianza, Fratellanza” , rifuggendo dalle anguste e limitate visioni che ogni ideologia porta in se: sterili semi, destinati a produrre solo divisioni, accidia, povertà e lutti.
Credere con fiducia nel futuro, lavorare con tenacia per costruire un futuro sereno, pacifico ed operoso per i propri figli, è il nostro scopo: lo scopo di ogni uomo libero, lo scopo per cui vale la pena vivere, lasciare una buona “traccia” del nostro passaggio terreno.
Se invece c’è ancora qualcuno che crede nella validità della demagogia, nell'attualità di vecchi progetti ingialliti riposti in cassetti polverosi, nella legittimità delle tirannie, dell’oppressione, che crede di scrivere il presente con il sangue degli innocenti, che pensa di tracciare il futuro con il sibilo dei proiettili e le urla delle stragi, vuol dire che non sente il pianto dei bambini: quindi, odia il futuro poiché il proprio potere è solo nel presente.
La “vera” rivoluzione non è nelle armi, ma nella parola; non è nell’oppressione, ma nella tolleranza; non è nell’odio, ma nell’amore.
E non dimentichiamo che il pianto dei bambini, a tutte le latitudini, in tutte le lingue della Terra, ha lo stesso tragico suono.

14 Luglio 2011

Fonte: Age
___________________________________________________________

Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte.
___________________________________________________________

14 luglio 1789: presa della Bastiglia.

La mattina del 14 luglio gli insorti attaccarono l'Hôtel des Invalides con l'obiettivo di procurarsi delle armi; si impossessarono di circa ventottomila fucili e qualche cannone ma non trovarono la polvere da sparo. Per impadronirsi della polvere decisero di assalire la prigione-fortezza della Bastiglia (vista dal popolo come un simbolo del potere monarchico), nella quale erano tenuti in custodia solamente sette detenuti. Gli elevati costi di mantenimento di una fortezza medievale così imponente, adibita all'epoca ad una funzione limitata come quella di carcere, portò alla decisione di chiudere i battenti e probabilmente fu per questo motivo che il 14 luglio gli alloggi della prigione erano praticamente vuoti. La guarnigione della fortezza era composta da 82 invalidi (soldati veterani non più idonei a servire in combattimento), ai quali il 7 luglio si aggiunsero 32 Guardie svizzere; il governatore della prigione (figlio del precedente governatore) era Bernard-René Jordan de Launay.
Pierre-Augustin Hulin prese la guida degli insorti gridando: «Amici, siete buoni cittadini? Si lo siete! Allora marciamo verso la Bastiglia». Una folla sempre più numerosa raggiunse la fortezza chiedendo la consegna della prigione. Launay trovandosi circondato, pur avendo la forza per respingere l'attacco, cercò di trovare una soluzione pacifica ricevendo alcuni rappresentati degli insorti, con i quali cercò di negoziare. La trattativa si protrasse per lungo tempo mentre all'esterno la folla continuava ad aumentare fino a quando, verso le 13:30, le catene del ponte levatoio vennero tagliate e gli insorti riuscirono a penetrare nel cortile interno, scontrandosi con la Guardia svizzera. Ci fu un violento combattimento che causò diversi morti (gli uomini del regio esercito, accampati nel vicino Campo di Marte, non intervennero).
Cercando di evitare un massacro reciproco, Launey ordinò ai suoi uomini di cessare il fuoco. Tra le testimonianze dell'accaduto c'è quella del capitano della Guardia svizzera, Luigi De Flue, che raccontò: «Appena Launey vide la situazione dall'alto delle torri sembrò perdere completamente la testa; senza consultare nessuno del suo stato maggiore o della guarnigione, fece dare da un tamburo il segnale di resa». Launey inviò una lettera agli assedianti dove riportava le condizioni di resa, ma queste vennero rifiutate. Il governatore, capendo che i propri uomini non avrebbero potuto resistere ancora a lungo, decise di capitolare, permettendo agli insorti di penetrare nella Bastiglia. Alcuni resoconti riportano che la Gurdia svizzera, priva di ordini, continuò a fare fuoco sugli assalitori finché il capitano Luigi De Flue non trattò direttamente la resa per i propri uomini, salvandoli dal popolo inferocito.
Gli insorti riuscirono così ad occupare la prigione-fortezza; le guardie trovate morte vennero decapitate e le loro teste furono infilzate su pali appuntiti e portate attraverso tutta la città. Il resto della guarnigione fu fatta prigioniera e condotta al Municipio ma lungo la strada, in piazza de Grève, Launay fu preso dalla folla e linciato. Uno degli insorti lo decapitò e infilzò la testa su una picca.
I prigionieri trovati all'interno della fortezza e rilasciati furono sette: quattro falsari, due malati mentali e un libertino.Dopo la liberazione i quattro falsari fecero perdere le proprie tracce mentre gli altri prigionieri liberati furono portati in trionfo per la città, sebbene i due malati mentali, il giorno dopo, furono rinchiusi nell'ospizio di Charenton. Fino a pochi giorni prima nella Bastiglia vi era stato rinchiuso anche Donatien Alphonse François de Sade, che infiammò gli animi dei suoi concittadini descrivendo, con particolari raccapriccianti e fantasiosi, le torture che lì si eseguivano; venne trasferito al manicomio di Saint-Maurice il 4 luglio.
Ritornando al Municipio la folla accusò il prévôt des marchands (carica corrispondente a quella di un sindaco) Jacques de Flesselles di tradimento; durante il viaggio, che lo avrebbe portato a Palais-Royal per essere processato, fu assassinato.

Fonte: Wikipedia



14 juillet : Fête Nationale. Fête maçonnique?

 

Après un oubli de près de 100 ans depuis la prise de la Bastille, le 14 juillet devient fête Nationale en 1880, sous la IIIème République.
La République toute nouvelle se cherche des symboles. Là encore, comme souvent en cette période de notre Histoire Nationale, l'action des francs-maçons sera importante.
C'est le frère Benjamain Raspail, député de la Seine pour la gauche républicaine (fils aîné de François-Vincent Raspail, candidat malheureux à la présidence de la République en 1848, carbonaro et franc-maçon au sein de la célèbre loge parisienne Les Amis de la Vérité), qui dépose le 21 mai 1880 la loi faisant du 14 juillet la fête nationale. Ce projet de loi, signé par 64 députés, sera adopté par l'Assemblée le 8 juin et par le Sénat le 29 juin. Elle sera promulguée le 6 juillet 1880.
Mais qu'est-ce qu'on commémore exactement? Cette loi a eu bien du mal à passer car nombre de députés ne souhaitaient pas commémorer la prise de la Bastille du 14 juillet 1789, épisode historique jugé trop violent. Le frère Raspail propose donc de commémorer... le 14 juillet 1790, jour de la Fête de la Fédération, 1er anniversaire de la prise de la Bastille.
Il faut savoir qu'à partir de la prise de la Bastille, dans tout le pays, des hommes se fédèrent pour défendre la liberté, à l'image de la Garde Nationale parisienne dirigée par le frère et Marquis de La Fayette. Une garde est donc créee par département.
C'est La Fayette qui a d'ailleurs l'idée d'une grande fête populaire regroupant l'ensemble des fédérés autour du Roi et de la Constitution.
La décision officielle est prise en juin 1790 par l'Assemblée Nationale. La fête se déroule donc en grande partie dans l'improvisation mais surtout dans une grande ferveur populaire.
Le 14 juillet 1790 ce sont 14 000 fédérés venus de province (chaque garde nationale a été chargée de choisir parmi ses membres 2 hommes sur 100), rangés par départements sous 83 bannières, qui partent de l'emplacement de la Bastille, empruntent les rues Saint-Antoine, Saint-Denis, Saint-Honoré et se rendent par le Cours-La-Reine par le pont de bateaux qui leur permet d'accéder au Champ de Mars. Ils sont plus de 60 000 fédérés avec ceux de Paris qui les ont rejoint.
Plus de 400 000 parisiens assistent à la Fête.
C'est le frère La Fayette qui le premier jure fidélité à la Constitution et au Roi. Louis XVI lui-même fait ensuite serment de respecter la Constitution.
Puis une grande Messe est célébrée par l'Evêque constitutionnel d'Autun, le frère Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord.
Enfin le "Te Deum de la Fraternité" pour 3 voix, chœur d'homme et orchestre d'harmonie, composé et dirigé par le frère François-Joseph Gossec (membre de la Loge "La Réunion des Arts" à l'Orient de Paris) est joué devant la foule.
Pour la première fois le drapeau de la jeune République américaine est déployé hors des Etats-Unis. Une délégation menée par le frère John Paul Jones (fondateur de la Marine Américaine) et par le frère Thomas Paine (qui sera plus tard élu à la Convention) se joint au cortège des fédérés. Elle comprend également James Swan, Georges Howell, Benjamin Jarvis, Samuel Blackden, Joël Barlow, William Henry Vernon. Elle arrive au Champ de Mars avec son drapeau et est acclamée par la foule des patriotes.
La Fête de la Fédération sera un grand moment d'Union Nationale et de ferveur citoyenne comme notre pays en a rarement connu.
C'est pourquoi en 1880, la jeune République veut retrouver autour de ses valeurs cet élan populaire et choisit de célébrer la Fête de la Fédération. Elle a d'ailleurs fait les choses en grand. Le ministre de l'Intérieur prescrit aux préfets de veiller à ce que cette journée "soit célébrée avec autant d'éclat que le comportent les ressources locales".
Un défilé militaire est organisé sur l'hippodrome de Longchamp devant 300 000 spectateurs, en présence du frère Président de la République Jules Grévy. Il s'agit de montrer le redressement de l'armée française après la défaite contre la Prusse en 1870.
Ce défilé militaire, toujours en vigueur aujourd'hui le 14 juillet, s'inspire aussi du défilé des gardes fédérés de 1790.
En 1880 on inaugure également le monument surmonté de la statue de la place de la République, et partout sont donnés concerts et feux d'artifices. "La colonne de Juillet" qui surplombe la place de la Bastille, elle, ne se réfère pas au 14 juillet 1789. Elle porte le nom des victimes des journées révolutionnaire de juillet 1830, les "Trois glorieuses".

Fonte: jlturbet

12 a 14 de agosto de 2011: II° Congreso Masonico Bolivia 2011


Querido hermano:

En octubre de 2009, la Gran Logia de Bolivia realizó el Primer Congreso Masónico Boliviano, en Santa Cruz de la Sierra, en el cual participaron hermanos de nueve países.
El objetivo era discutir los deberes universales del hombre bajo la premisa:''Si cumpliéramos nuestros deberes, nuestros derechos estarían garantizados''.
El resultado superó todas nuestras expectativas, gracias al trabajo de los hermanos masones que participaron y contribuyeron al éxito del evento.
Ahora, en agosto de 2011, queremos repetir la experiencia y superar nuestras metas. Queremos invitarte a participar de un evento singular en el cual discutiremos temas que son de interés general y buscan respuestas claras a las inquietudes de todos los hermanos que queremos una masonería universal integrada, eficiente, dinámica, transparente y puesta al servicio de la sociedad.
Con tu apoyo y participación, el anhelo de fortalecer aun mas nuestra masonería interamericana será una realidad.



Rudy Barbosa Levy
Gran Maestro
Gran Logia de Bolivia

Uno Stimolo...

Ricevo le seguenti note da un Fratello: Note dalle quali, correttamente, ometto il nome del mittente e quello del soggetto da lui citato.
Sto riflettendo per formulare un' idonea ed esaustiva risposta, ma - forse la gran calura di questi giorni- sento che mi mancano le giuste parole...
...Volete aiutarmi Voi, cortesi lettori del " Notiziario", con qualche corretta e saggia riflessione?
Non desidero far attendere molto questo Illustre Fratello, ma lo stimolo - a crescere, ovviamente - propio attraverso una risposta ponderata e stilata all'insegna dell'usuale Tolleranza, deve trovare la propia soddisfacente soluzione.

" Caro fr. Vincenzo,
scusami se ti scrivo ancora, ti prometto che è l’ultima volta; la mia professione profana (notoriamente polemica e che non mi permette di “passare per fesso”) svolta da qualche decennio purtroppo mi spinge a farti una piccola osservazione.
Mi hai scritto il 2/6/11 che “… Il Notiziario è un contenitore Moderato di Incisioni Tavole Balaustre ed eventi che possano contribuire ad una sana informazione e ricerca. Quindi saro' ben lieto di ricevere materiale da poter pubblicare. …” e solo per questo motivo ti ho inviato il materiale che hai in tuo possesso.
Poi il 26/6/11 mi hai detto che “… il Notiziario ha dovuto adottare una linea particolare: pubblicare notizie di Obbedienze consolidate per evitare di spiacere le moltitudini dei minori, centinaia...... Che giornalmente pressano. Per non scontentare nessuno (essendo sempre scissioni e non gemmazioni di un panorama convulso). Nulla di personale …”.
Su entrambe le tue annotazioni non mi sono permesso di intervenire per rispetto verso il lavoro che fai su internet a favore della Massoneria in generale, anche se le trovo alquanto confliggenti.
Oggi, come ogni giorno, ho fatto una visita sul sito del Notiziario e ho trovato un articolo del XXXXXX(omissis). Poiché conosco bene questa Obbedienza, rispettabile e legittima ma che rientra nella descrizione da te fatta nell’ultima mail di alcune Obbedienze (come noi del resto), comincio a non comprendere la logica che sorregge la redazione del tuo sito.
Ovviamente hai la piena libertà di pubblicare ciò che vuoi, la mia doglianza non attiene a questo ma alla logica che vi risiede dietro.
Pertanto vorrei proporti non di pubblicare le nostre prossime pubblicazioni (io sono lineare quando dico che sei libero di pubblicare ciò che vuoi), ma di visitarci in una delle nostre Tornate e valutare il nostro “consolidamento”.
A tal proposito e confidando nella tua buona fede sarei lieto di averti tra noi il 24 settembre in una Tornata a Logge riunite che si celebrerà a Roma per l’inaugurazione del Tempio locale.
Spero tu comprenda che ti rivolgo questo invito non per avere semplicemente una visibilità ulteriore (che potremmo avere anche con altri mezzi), ma perché rispetto effettivamente il tuo lavoro.
Fraternamente,
XXXXX( omissis)

Scomparsa della Sor.·. Teresa De Magistris.

Giuseppe Bellantonio

All'Illustre Signor
Vincenzo Rizzuto
Coordinatore Responsabile del sito
“NOTIZIARIO MASSONICO ITALIANO”


Pregiatissimo Signor Rizzuto,

approfitto della Sua cortesia per segnalare ai Lettori del “Notiziario Massonico Italiano” l'avvenuta scomparsa della Gentilissima Signora Teresa De Magistris, avvenuta nella mattinata di ieri a Napoli.
Teresa De Magistris era la vedova di Enzo Milone, già transitato nelle Valli Celesti diversi anni orsono: entrambi Iniziati, nella loro migliore giovinezza operarono nella Comunione di Piazza del Gesù – all'epoca sita al civico 47 dell'omonima Piazza – sotto la guida di Tito Ceccherini, per aderire successivamente all'iniziativa di Giovanni Ghinazzi che da Piazza del Gesù 47 era stato allontanato – questa, utile solo alla cronaca, è una semplice citazione di fatti e Verbali dell'epoca, che comunque nulla intendono togliere o disconoscere delle qualità di questo intenso personaggio -. 
Questa fotografia dell'epoca ci porta ad anni in cui la Massoneria era vissuta con particolare trasporto ed energia: per cui reputo che sia marginale indicare qui le successive tappe di Teresa De Magistris e del Marito, anche per non indulgere in richiami che possano sembrare ad occhi frettolosi o immemori come apologetici ovvero velati da sfumature critiche. 
Di Teresa De Magistris mi piace ricordare un momento particolare e specifico, maturato negli anni del dopoguerra: quello in cui la Massoneria Italiana si riprendeva, dando segnali palesi di grande vivacità. Era quello il momento in cui – quale Responsabile indicata da Tito Ceccherini, che da Sovrano di Piazza del Gesù agiva nello specifico sotto gli auspici e la supervisione “informale” della Massoneria di lingua inglese – sperimentò quali fossero, e soprattutto se ve ne fossero, le possibilità - per un Mondo Iniziatico Femminile che, già presente nell'immediato dopoguerra, intendeva orientarsi su concrete pratiche massoniche nell'unico contesto che all'epoca godesse di formali quanto ampi riconoscimenti internazionali – di operare “in” una Famiglia ovvero “esternamente” ad essa godendone però una sorta di fraterna considerazione specie logistica, oppure di operare in modo tale per cui la Comunione tra Fratelli e Sorelle potesse assumere connotazioni e valenza comuni, o se un raggruppamento del tutto femminile o c.d. “misto” potesse operare autonomamente attraverso l'adesione al “Gran Consiglio dei Riti” costituito proprio dal Sovrano Tito Ceccherini e successivamente retto dai Sovrani che nella “Comunione Italiana sedente a Piazza del Gesù 47” si succedettero, o – infine – se l'esperienza (che comunque aveva un significato che travalicava la realtà italiana) “massonica” sarebbe stata impraticabile al punto da cristallizzare la realtà femminile quale mero supporto esterno all'attività maschile e quindi carente di altre valenze. 
Lo strumento operativo – che pur se “sperimentale” intendeva avere una certa ufficialità del tutto interna – fu una Bolla rilasciata a nome della prima ed unica (e proprio per questo storicamente apprezzabile) Loggia intitolata da Piazza del Gesù ad una donna: Teresa Confalonieri. La Bolla, custodita in originale e personalmente dalla scomparsa Teresa nella sua casa di Napoli, reca la firma autografa di Tito di Torrelancia (alias Tito Ceccherini di Torrelancia, che così firmandosi non confondeva i propri ruoli e salvaguardava tanto la regolarità della Dignità ricoperta che quella del Supremo Consiglio rappresentato): un documento che, non avendo Teresa dei figli, voglio romanticamente augurarmi che possa far parte del Suo corredo nel Grande Viaggio intrapreso. 
Ecco i motivi per cui sento di rivolgere un invito a tutti i Massoni degni di tale nome, ricordando Teresa De Magistris nell'unico modo che penso Lei gradirebbe, e che è il mio sentire: travalicante ogni limite o ambito particolare, per approdare nella Quiete senza passioni del Ricordo. 
Ricordiamola quindi quale degna rappresentante di un contesto che ha caratterizzato precisi e significativi momenti della Storia Iniziatica Italiana; una Persona, una Sorella, la cui Morte chiude un vissuto certamente degno che merita considerazione e pertanto un giusto rispetto. 
Che La si ricordi quindi abbrunando le insegne e chinando i labari, affidandoLa a quel Grande Architetto dell'Universo alla cui Gloria ha sempre palesato di aver operato. 
Mi è lieto l'incontro, Illustre Signor Rizzuto, per porgerLe i più cordiali saluti ringraziandoLa per l'attenzione che potrà riservare alla presente.

Roma, 13 Maggio 2011

                                                                                                     
f.to Giuseppe Bellantonio
Gran Maestro Emerito della Serenissima Gran
Loggia Nazionale Italiana degli Antichi,
Liberi ed Accettati Massoni
Comunione Italiana di Piazza del Gesù


__________________________________________________________________   
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 
     __________________________________________________________________

mercoledì 13 luglio 2011

Gran Loggia del Mediterraneo: Comunicato Stampa.


Fonte: Gran Loggia del Mediterraneo

12/07/2011 - Dialogue Seminar on "Youth, Education, Culture"


Organized by BEPA and COMALACE (Contribution des obédiences maçonniques libérales et adogmatiques à la construction européenne).



 Fonte: BEPA

GLNF : La Grande Loge Régulière de Turquie rompt avec la gouvernance de la GLNF-


« Le jours passent et ne se ressemblent pas » Ce proverbe donne à entendre que les maux et les plaisirs ne sont pas continuels.
Malheureusement ce n’est pas le cas pour a Grande Loge Nationale Française puisque c’est au tour de la Grande Loge Régulière de Turquie de « condamner la gouvernance de la Grande Loge Nationale Française« .
Déclaration de Remzi Sanver  Grand Maître de la grande  Loge de Turquie. 
Mes Chers Frères,
La Grande Loge Nationale Française qui représente sur le territoire français la franc-maçonnerie régulière, est confrontée, depuis presque deux ans, à une grave crise de gouvernance. Considérant que cette crise a pris une dimension préjudiciable à la maçonnerie à l’échelle mondiale, les Grands Maîtres de la Grande Loge d’Autriche, de la Grande Loge Alpina de Suisse, de la Grande Loge du Luxembourg, des Grandes Loges Unies d’Allemagne et de la Grande Loge Régulière de Belgique ont fait savoir, dans une déclaration publiée le 18 mai 2011, qu’ils se sont entendus pour mettre en suspens leur reconnaissance de la Grande Loge Nationale Française, dans le but de se tenir à l’écart des événements dont cette grande loge est le théâtre.
La Grande Loge de Turquie a suivi avec attention, et ce depuis ses débuts, la crise que traverse la Grande Loge Nationale Française. Ayant étudié celle-ci, le principe fondamental que nous avons fait notre est le fait qu’en maçonnerie la gouvernance n’est que transitoire alors que la fraternité est de tous temps. Concernant la fraternité, celle-ci impose d’être encore plus proche dans les jours difficiles. En conséquence, notre décision à l’égard des frères qui se réunissent dans le cadre de la Grande Loge Nationale Française est de nous éloigner graduellement de la gouvernance de cette Grande Loge et d’interdire celle-ci à nos frères présents dans son cadre, même s’il ne s’en trouvait qu’un.
En conclusion, je déclare que je rejette clairement l’esprit de la gouvernance maçonnique qui a conduit à la situation actuelle la Grande Loge Nationale Française, mais que les portes des 217 loges de notre obédience et les cœurs de ses 14 631 frères restent ouverts aux frères de cette obédience.
Avec mon amour et mes fraternels respects,
Remzi Sanver, Grand Maître



Fonte: GADLU


Pour un droit universel à l'aide à l'autonomie.

 
Après six mois de débat national sur la perte d’autonomie organisé par le Gouvernement la barrière d’âge de 60 ans entre personnes en situation de handicap et personnes âgées dites dépendantes n’est toujours pas remise en cause. Le vieillissement n’apparaît plus comme la catastrophe annoncée, mais le vrai régime universel de protection garantissant à chaque citoyen le droit à l'autonomie, quel que soit son âge ou l’origine de son handicap n’est toujours pas en vue. Ce régime devrait assurer des traitements analogues aux différentes personnes avec des solutions personnalisées en fonction de leurs besoins individuels.
 
Face à l’opposition rencontrée lors du débat national, le recours à l’assurance privée obligatoire à partir de 50 ans et le gage sur le patrimoine semblent bien avoir été abandonnés.
 
Cependant les mesures et les moyens annoncés, 1,2 milliard d’euros, suffiraient à peine à court terme à débloquer les situations les plus urgentes (pour aider les conseils généraux les plus en difficulté dans le paiement de l’allocation personnalisée d’autonomie [APA], pour soutenir les services d’aide et d’accompagnement à domicile en crise). Le reste à charge pour les personnes et leur famille devrait rester important, de 500 à 1000 euros au moins, si aucune solution n’est apportée sur le long terme.
 
Comme dans d’autres « réformes », les moyens ne sont pas mis en place dans la durée. Les signataires demandent que la réflexion entamée soit poursuivie et que des solutions équitables et solidaires soient instaurées. Notre pays devrait pouvoir consacrer 7 milliards d’euros supplémentaires aux populations fragiles les plus âgées, c'est-à-dire quelque 0,4% de la richesse nationale !
 
Non, l’aide à l’autonomie (comme la santé) n’est pas un bien marchand ! Elle doit s’appuyer, non seulement sur un socle de financement public, qui respecte le principe, intangible à nos yeux, qui veut que « chacun participe selon ses moyens — tous ses moyens — et chacun bénéficie d'une aide et de soins selon ses besoins », mais aussi sur un dispositif de gouvernance amélioré avec une forte coordination des acteurs ainsi que sur le développement de la prévention et de la recherche.
 
A court terme, restons vigilants, afin que les mesures retenues par le gouvernement ne reprennent pas des idées qui iraient à l’encontre de cette vision.
 
En tout cas, le maintien de cette barrière des âges à 60 ans risque de remettre en cause le pacte social entre les générations et d’entraîner la poursuite de la France devant la Cour européenne de justice pour discrimination par l’âge.
 
S’il ne faut pas oublier les jeunes, il ne faut pas non plus oublier les plus âgés de nos concitoyens.
 
Paris, le 11 juillet 2011
 
Pour tout contact :
JEAN-MICHEL CAUDRON : jean-michel.caudron@orange.fr, 06.80.96.25.69,
ANNIE DE VIVIE : anniedevivie@agevillage.com, 01.42.46.65.00, 06.03.44.88.02,
JOSÉ GONGORA : gongorajose@orange.fr, 06.31.27.36.11.
 
Organismes signataires du communiqué de presse :
Aînés ruraux, Alertes38, Alliance Ecologiste Indépendante (AEI),  Association d’études et de recherche en économie sociale (AERES), Collectif des Démocrates Handicapés (CDH), Collectif pour un vrai 5ème risque, Collectif pour une société pour tous les âges, ), Comité pour la Promotion des Prestations Dépendance Pour le Personnel des Organismes Sociaux (CPPDOS), Confédération Française pour la Promotion Sociale des Aveugles et Amblyopes (CFPSAA), Confédération Française des Retraités (CFR), ), Coordination nationale des comités de défense des hôpitaux et maternités de proximité, Fédération Nationale des Associations de Retraités (FNAR), Fédération Nationale des Associations de Personnes Agées en Etablissements et de leurs Familles (FNAPAEF), Grand Orient de France (GODF), Grande Loge Mixte Universelle (GLMU), Trisomie 21 France, Union Française des Retraités (UFR), Union Nationale de l’Aide, des soins et des services au domicile (UNA), 
 
Personnalités signataires du communiqué de presse :
MICHEL ANTONY, responsable de la Coordination nationale des comités de défense des hôpitaux et maternités de proximité, GUY ARCIZET, Grand Maître du Grand Orient de France (GODF), président du conseil de l’Ordre, FRANÇOIS BELLANGER, président de la Confédération Française des Retraités (CFR), JEAN-LOUIS BIANCO, député, président du Conseil général des Alpes de Haute-Provence, ancien ministre, MAURICE BONNET, ancien membre du Conseil Economique et Social, ancien vice-président du Comité National des Retraités et Personnes Âgées (CNRPA), CHRISTIAN BOURREAU, président de l’Union Française des Retraités (UFR) et vice-président de la Confédération Française des Retraités (CFR), RENE CAILLET, directeur d’hôpital, JEAN-MICHEL CAUDRON, consultant en ingénierie gérontologique, JEAN-PAUL CHAMPEAUX, directeur de Trisomie 21 France, JACQUELINE CHAPUIS, présidente d’ALERTES 38, PHILIPPE CHAZAL, président de la Confédération Française pour la Promotion Sociale des Aveugles et Amblyopes (CFPSAA), JACQUES DANIEL, président de Trisomie 21 France, SYLVAIN DENIS, président de la Fédération Nationale des Associations de Retraités (FNAR), ANNIE DE VIVIE, fondatrice d’Agevillage.com, coordonnatrice du Collectif pour une société pour tous les âges, JANINE DUJAY-BLARET, vice-présidente des Aînés ruraux, BERNARD ENNUYER, sociologue, ANDRE FLAGEUL, Union Nationale de l’Aide, des soins et des services au domicile (UNA), JEAN-LOUIS FONTAINE, président du Collectif des Démocrates Handicapés (CDH), BERNARD FRAU, délégué général d’Humanisme-Ecologie-République ,JEAN GIARD, vice-président d’Alertes38, JOSE GONGORA, conseiller de l’Ordre du Grand Orient de France (GODF), coordonnateur du Collectif pour un vrai 5ème risque, JEAN-MARC GOVERNATORI, secrétaire général d’Alliance Ecologiste Indépendante (AEI) SERGE GUERIN, sociologue, professeur à l’ESG, PAULETTE GUINCHARD, ancienne secrétaire d’Etat chargée des personnes âgées, MARIE-JO GUISSET-MARTINEZ, gérontologue, JEAN-CLAUDE HENRARD, professeur émérite de santé publique, gérontologue, MARC HORWITZ, journaliste, spécialiste de santé publique, GENEVIEVE LAROQUE, membre du Collectif pour une société pour tous les âges, JOËLLE LEGALL, présidente de la Fédération Nationale des Associations de Personnes Agées en Etablissements et de leurs Familles (FNAPAEF), LAURENT LOGIOU, vice-président du Conseil régional de Haute-Normandie, ODILE MAURIN, présidente de Handi-Social, Docteur André MINETTO, conseiller national d’Europe Ecologie-Les Verts , ANDREE OGER, Vice Présidente du Conseil général de l'Eure en charge des personnes âgées et handicapées, OLGA PIOU, directrice du Centre de Liaison, d'Etude, d'Information et de Recherche sur les Problèmes des Personnes Agées (CLEIRPPA), ALAIN POULET, Association d’études et de recherche en économie sociale (AERES), DANIEL REGUER, professeur des universités, sociologue du vieillissement, MARC REYBAUD, vice-président de la Fédération Nationale des Associations de Personnes Agées en Etablissements et de leurs Familles (FNAPAEF), GUY ROMAN, président de la Grande Loge Mixte Universelle (GLMU), GINO SANDRI, Comité pour la Promotion des Prestations Dépendance Pour le Personnel des Organismes Sociaux (CPPDOS),  ALDO SALUARD, membre du Collectif pour une société pour tous les âges.
 
Fonte: GODF

Con Ferdinando Cordova scompare un insigne storico, profondo studioso della Massoneria.


"Cordova è stato tra i primi a capire una storia profonda. Perdiamo uno studioso serio, che ha saputo affrontare e raccontare i percorsi della Massoneria italiana in maniera scientifica, contribuendo a sgombrare il campo da molti pregiudizi. Nell'ultimo decennio, abbiamo aperto allo studioso gli archivi del Grande Oriente d'Italia per far parlare documenti e fatti, alla luce del sole". Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, esprime il "profondo cordoglio di tutti i liberi muratori" per la scomparsa dello storico Ferdinando Cordova, morto ieri a Grottaferrata (Roma) all'età di 73 anni in seguito ad una malattia fulminante.

"Lo ricordiamo – aggiunge il Gran Maestro di Palazzo Giustiniani - per il rigore dei suoi studi e il tratto di umanità e gentilezza che abbiamo conosciuto nel corso di molti confronti e approfondimenti curati dal Grande Oriente, ai quali lo storico ha partecipato sempre con contributi che hanno illuminato un tratto di pensiero e di vita italiana. I suoi libri – conclude Raffi - resteranno oltre il Tempio, segno di dialogo vero, e mattone per la ricostruzione di molte verità. La terra gli sia lieve".


Roma, Villa il Vascello, 11 luglio 2011

Fonte:  GOI