sabato 31 marzo 2012

Franc-maçonnerie/GLNF: Stifani réélu.

François Stifani a été réélu aujourd'hui Grand Maître de la Grande loge nationale française (GLNF) avec plus de 45% des voix et "un taux de participation historique", a annoncé l'organisation qui a connu un fort mouvement de contestation interne ces derniers mois.
"Avec un taux de participation historique, François Stifani a été élu à une forte majorité, recueillant 45,26% des suffrages. Celui qui se présentait comme le principal opposant, Jean Murat, avec 27% des voix, ne fait pas mieux que lors de sa précédente tentative en 2007 contre François Stifani", dit la GLNF dans un communiqué. "Ces résultats expriment le soutien et la confiance de la majorité des Frères de la GLNF envers François Stifani", souligne le texte.
Deuxième obédience maçonnique française derrière le Grand Orient de France, la GLNF revendique sur son site internet 43.500 membres. Elle traverse depuis plusieurs mois une grave crise car son Grand Maître est confronté depuis décembre 2009 à un mouvement de contestation de dignitaires et Grands Maîtres provinciaux, dont certains ont été exclus.
 
Fonte: Le Figaro

François Stifani sur la voie de la Grande Maîtrise de la GLNF

François Koch vient de l’annoncer sur son blog « Lumière » : François Stifani désigné candidat à la Grande Maîtrise GLNF lors de la réunion ce jour, 30 mars 2012, du Souverain Grand Comité (SGC) et ce sans grande surprise : il aurait obtenu 45,26% des voix !
Désormais cette décision ou élection doit être ratifiée par l’Assemblée Générale  des délégués et 1ers surveillants de loges le 23 juin prochain.
Mais comme un tweet vient de me le préciser : »Pour être exact, François Stifani est désigné GM. L’assemblée civile en ratifie le GM en tant que président d’association.« 
C’est quelques part une bonne nouvelle pour La Grande Loge de l’Alliance Maçonnique Française qui va pouvoir continuer à se mettre à l’ouvrage !
C’est d’ailleurs la conclusion qu’en tire Le Myosotis Ligérien dans un article « C’est fini  » et le Myosotis Paca avec « FS ELU – VIVE LA GL. ALLIANCE «

Fonte: GADLU

venerdì 30 marzo 2012

Rimini 30 marzo - 1 aprile 2012 "Oltre la crisi, la bussola dei valori per ritrovare l'Uomo" - Gran Loggia del Grande Oriente d'Italia.


"Oltre la crisi, la bussola dei valori per ritrovare l'Uomo". E' questo il titolo della Gran Loggia 2012 del Grande Oriente d'Italia, che dal 30 marzo al 1 aprile al Palacongressi di Rimini vedrà i Liberi Muratori di Palazzo Giustiniani proseguire il confronto aperto con la società, lanciando un messaggio di unità nazionale e di nuovo impegno civile.

Da Gianni Vattimo a Giulio Giorello, da Aldo Masullo a Oscar Giannino: un parterre di pensatori d'eccezione per i due talk show in programma, che saranno condotti da Alessandro Cecchi Paone.

"Nella tempesta non bisogna perdere la bussola dei valori - spiega il Gran Maestro, Gustavo Raffi - il suo ago ci ricorda che etica e civiltà non sono negoziabili e che ogni vero rinnovamento si deve accompagnare ad una profonda crescita di coscienza civile e di cultura, soprattutto per il futuro delle giovani generazioni. Gli uomini del dubbio sono costruttori: lottiamo insieme, per una società più giusta e solidale. All'Italia servono messaggi etici e impegno per la crescita. Perché è l'Uomo, non il mercato, il centro della storia".
Ricco il programma di lavori aperti al pubblico: si inizia venerdì 30 marzo, alle 10, 30, nella Sala del Castello del Palacongressi, con il Talk Show sul tema La sfida delle scelte: non numeri ma Uomini Per restituire l'Italia all'Europa e l'Europa a se stessa. Conduce Alessandro Cecchi Paone, divulgatore scientifico. Intervengono: Claudio Bonvecchio, Università Insubria di Varese; Gian Mario Cazzaniga, Università di Pisa; Dino Cofrancesco, Università di Genova; Aldo Masullo, Università di Napoli; Antonio Panaino, Università di Bologna; Valerio Zanone, politologo. Alle 17,30 l'apertura pubblica del Tempio a ospiti e autorità. Alle 18,40 l'evento più importante: l'Allocuzione del Gran Maestro, Gustavo Raffi, che traccerà le linee programmatiche dell'impegno del Grande Oriente d'Italia.

Sabato 31 marzo, alle 17, il secondo Talk Show dal titolo Laici e costruttori, cittadini di un nuovo tempo. Conduce Alessandro Cecchi Paone. Intervengono: Luisella Battaglia, Università di Genova; Domenico De Masi, Università La Sapienza di Roma; Oscar Giannino, giornalista; Giulio Giorello, Università di Milano; Gianni Vattimo, Università di Torino; Maurizio Viroli, Università di Princeton. In cartellone tante altre iniziative: si va dalla Danza dei Dervisci Rotanti agli Incontri con l'Autore, a cura del Servizio Biblioteca del Grande Oriente. Tra i libri che verranno presentati, In nome dell'Uomo. Dal Risorgimento alla modernità, il ruolo del Grande Oriente nell'Italia unita (Mursia, seconda edizione), di cui è autore il Gran Maestro Raffi. Alla Fiera del Libro, editori specializzati in esoterismo, simbologia e Arte Muratoria saranno presenti con una rassegna dei loro titoli più significativi. Associazioni umanitarie interne ed esterne al Grande Oriente d'Italia testimoniano l'impegno di solidarietà a sostegno dei bisognosi. Collezionisti e Maestri d'Arte espongono quadri, sculture e gioielli di simbologia muratoria. 
Fonte: GOI

giovedì 29 marzo 2012

Conférence Publique du Grand Maître à Rochefort le 30 mars 2012



La Grande Loge célébre l'une de ses plus anciennes Loges à travers une Conférence publique et une exposition prochaine à Rochefort.

L'Accord Parfait à Rochefort est l'une des plus anciennes Loges, que compte l'obédience et reste l'un de ses plus beaux sites.
La Loge de Rochefort, "L'Accord Parfait" date de 1776
Afin de faire partager ce patrimoine au plus grand nombre, de nombreux événements vont avoir lieu dans la ville à commencer par une Conférence Publique, en présence d'Alain-Noël Dubart, Grand Maître :
le vendredi 30 mars 2012 à 17 heures, une Conférence à l'Auditorium du Palais des Congrès à Rochefort.
Il s'exprimera sur le sujet : "La Grande Loge de France, entre Ethique et Spiritualité".
Rendez-vous à 17 heures - entrée libre et gratuite (nombre de places limité)
Auditorium du Palais des Congrès
40, bis rue Jean Jaurès
17300 Rochefort

Rochefort

La loge est un patrimoine qui appartient à tous.

Pour mieux faire connaître la franc-maçonnerie, la Grande Loge de France monte une exposition et donne une conférence. «Discrets oui, nous le sommes, mais pas secrets » Si le président, Jean-Marie Tonnelier le dit, ça doit être vrai. Pour preuve, sa loge, l'Accord parfait, installée depuis le XVIIIe siècle - ce qui en fait la plus ancienne des loges de la Grande Loge de France encore en activité dans le pays - va multiplier les activités dans les mois à venir : conférence publique, exposition, congrès, il n'est décidément plus question de secrets chez les francs-maçons.

Mieux se faire comprendre

Héritiers des grands découvreurs qui ont laissé leurs noms à la plupart des rues de Rochefort en même temps qu'ils se posaient des questions fondamentales sur eux-mêmes et sur l'évolution du monde, les membres de l'Accord parfait savent qu'en 2012, du chemin reste à parcourir avant d'être pleinement compris par le grand public. «Nous avons une authentique volonté de partager et d'informer mais surtout nous ne voulons pas laisser perdurer des idées fausses nous concernant », insiste Jean-Marie Tonnelier.
De tous bords, de toutes cultures, appuyés sur les symboles propres aux francs-maçons mais aussi sur les trois principes fondateurs de la République, liberté, égalité, fraternité, ces citoyens engagés veulent faire naître et nourrir les débats loin des houles médiatiques parfois trompeuses Pourtant leur travail de fond a des répercussions dans notre quotidien. « On oublie que c'est grâce à nous que la lutte pour l'avortement et la contraception a avancé dans notre pays », précise Georges Lacaud, fourmi laborieuse et convaincue de la loge rochefortaise.
Vendredi prochain, la conférence proposée au Palais des congrès et menée par le Grand Maître Alain-Noël Dubart s'intéressera à l'éthique et à la spiritualité. « C'est une idée qui est née avec le siècle des Lumières mais qui a toute son importance dans notre société, il faut y réfléchir et cela fait partie de notre recherche plus large de la vérité », explique Jean-Marie Tonnelier.

Un patrimoine local

Dans une même logique, l’exposition proposée au Service historique de la défense présentera, à travers les objets, les tableaux mais aussi une loge reconstituée, ce qu'est la franc-maçonnerie, débarrassée de cette réputation un peu sulfureuse qui nuit encore à sa lisibilité. « C'est un patrimoine commun à tous les Rochefortais, insiste Georges Lacaud, il faut qu'ils s'attribuent notre temple, notre bibliothèque. L'avenir de l'arbre est dans ses racines ».
Une campagne de communication qui s'achèvera avec des portes ouvertes lors des Journées du patrimoine. Enfin, c'est à Rochefort qu'une centaine de personnes venues de tout le Sud-Ouest, se réunira avant l'assemblée générale nationale de la Grande Loge. Voilà une belle reconnaissance de la présence historique des maçons en ville.
 « Ethique et spiritualité », conférence d'Alain-Noel Dubart, Grand Maître de la Grande Loge. Gratuit et public : vendredi 30 mars, à 17 heures, à l'auditorium du Palais des congrès. De mi-mai à mi-août, exposition avec le Musée national de la franc-maçonnerie de la Grande Loge de France au Service historique de la défense, rue du Port.
Jean-Luc Richard

Fonte GLDF


mercoledì 28 marzo 2012

Il Perchè delle Api.

Il Perchè delle Api - Tavola Massonica del Fr.·. Ripa Montesano.·.

Fonte: Il Serenissimo Gran Maestro Fr.·. Domenico Vittorio Ripa Montesano.·.

martedì 27 marzo 2012

Charles Rangel festeggia i 200 anni della Massoneria Prince Hall di New York.

Charles Rangel
Rappresentante degli Stati Uniti per il 15 mo distretto congressuale di New York, Il Fr.·. Charles Rangel ha comemorato il 200 mo anniversario della Fondazione della Boyer Lodge No. 1 e la Massoneria Prince Hall di New York nell’Aula della Camera dei Rappresentanti il 22 marzo scorsa. Rangel nel suo discorso ha ricordato che la Boyer Lodge No. 1 è stata così chiamata in onore di Jean Pierre Boyer, nativo di Saint-Domingue. Soldato coraggioso e leader della rivoluzione haitiana, è stato il quarto presidente di Haiti dal 1818-1843. Sotto la guida del presidente Boyer, Haiti ha dichiarato l'indipendenza dalla Francia nel 1825. Rangel ha inoltre ricordato il pesante prezzo che gli antenati della Massoneria Prince Hall hanno dovuto pagare per la loro decisione, coraggiosa e audace di diventare massoni in un momento storico in cui gli uomini di colore non erano uomini liberi e le leggi del paese fornivano loro molto scarsa protezione. Motivo ulteriore per festeggiare con orgoglio il Bi-centenario della Boyer Lodge No. 1.''

Fonte: rdyork


Scission de la GLNF : comment élire le GM ?


C’est désormais sûr et certain, la GLNF va connaître le mois prochain une grande scission. Combien des 43 500 frères prendront la tangente ? Près de 20 000 disaient les scissionnistes. Pas plus de 3 500 jurent leurs détracteurs. La vérité se situera peut-être entre 7 et 10 000… selon le nom du prochain GM de la GLNF (élection le 30 mars puis ratification par une AG en juin). Si François Stifani se succède à lui-même, cela fera grossir les rangs de la Nouvelle Obédience… au point qu’il y a objectivement une alliance d’intérêts entre la gouvernance actuelle de la GLNF et les frères qui ont définitivement décidé de quitter le navire.
On connaît désormais le nom de la Nouvelle Obédience : Grande Loge de l’Alliance Maçonnique Française (GL-AMF). Comme les rebelles fuient la GLNF et son système non-démocratique (le Grand Maître élu par des électeurs choisis par… le GM lui-même), je me suis demandé comment serait choisi le GM de la GL-AMF. Le système est démocratique, mais c’est pas de la démocratie directe (comme à la GLDF), ni indirecte à deux étages (GODF). C’est une démocratie indirecte très complexe.
Qui choisit le candidat ? Ce sont les rites. Les délégués de loges de chaque rite élisent un Assistant Grand Maître (AGM). Chacun des rites propose comme candidat à la GM son AGM par roulement tous les 2 ans. Question : ce système ne va-t-il pas avantager les « petits » rites, qui auront accès à la GM autant que les « gros » ?
Qui ratifie le candidat -GM ? Le conseil de surveillance, lui-même élu par le Congrès National, lui-même élu par les loges.
C’est un peu une usine à gaz, mais c’est démocratique. Selon les promoteurs de cette organisation, cela évitera la guerre des rites. Et le GM de la GL-AMF sera un peu comme le Duc de Kent de la GLUA, ses fonctions seraient assez symboliques… sans doute pour éviter les dérives du pouvoir connues à la GLNF.
Les statuts de cette GM-AMF devraient être déposés cette semaine. Reste à savoir ce que feront les autres GL dans le monde, notamment la GLUA. Là aussi, les décisions seront simples et plus rapides si François Stifani se succède à lui-même à la tête de la GLNF. Clairement, les futurs responsables de la GL-AMF demanderont leur reconnaissance aux GL du monde. Autre question : si la GLNF subit un hémorragie importante, comment parviendra-t-elle à gérer son patrimoine immobilier ?

Fonte: .lexpress.fr

giovedì 22 marzo 2012

I Fratelli Bellantonio, De Dominicis e Ripa danno vita alla CONFRATERNITA MASSONICA FEDERICIANA.

CONFRATERNITA MASSONICA FEDERICIANA
Fonte: CONFRATERNITA MASSONICA FEDERICIANA

Raimondo di Sangro - Principe di San Severo - 22 Marzo 1771

Una figura di uomo da rivalutare, alla luce di nuove scoperte. Numerosi documenti(tra cui molti autografi del Principe), sono stati riportati alla luce,mostrandolo come un uomo dalle notevoli Conoscenze, uno scienziato, inventore di particolari macchine idrauliche e pirotecniche, un uomo di vasta cultura...Un Alchimista? 
Presso l'Archivio Notarile di Napoli sono stati rinvenuti alcuni documenti, tra cui il testamento olografo, mentre altri sono stati ritrovati presso una Collezione privata ed il lavoro è stato portato avanti dalla studiosa Clara Miccinelli. 
Si sa che Raimondo Maria dè Sangro, Principe di San Severo e duca di Torremaggiore(FG), dove era nato, nel 1750 unificò le Logge Massoniche napoletane sotto un unico indirizzo, quello Scozzese. Qualche suo biografo gli attribuisce, a torto, l'immissione in Italia della Massoneria stessa ma questo non corrisponde al vero. Così facendo, le sue propagandate idee di Libertà e di rinnovamento,finiranno per ridursi però ad una Elite esclusiva, con l'introduzione degli Alti Gradi (previsti -appunto- dal Rito Scozzese). Personaggi dei ceti più alti: "fratelli" appartenenti alle classi nobiliari, militari, ecclesiastiche e perfino di Corte. "I fondamenti egualitari e libertari a cui si erano ispirate le prime logge napoletane della Massoneria Inglese,venivano quindi fagocitate dalle pratiche occultistiche e alchemiche a cui venivano iniziati i "fratelli"...". Nello 'Statuto'scritto di suo pugno, all'art.12 si definisce la somma di 40 ducati d'oro (più tre mensili per ogni adepto) da versare all'atto dell'iscrizione,quindi una cifra che non molti potevano permettersi. L'art.8 privilegiava l'elezione ad un numero ristretto di 8 Eletti per la Loggia dei Gradi Superiori, più naturalmente la figura del Gran Maestro, quindi 9 e questo ricorda i primi fondatori dell'Ordine del Tempio(i Nove Cavalieri Templari). 
Sulla lapide viaria che è stata a lui intitolata (la piazza principale di Torremaggiore) si legge" Chimico e matematico". 
G.C. Lacerenza ci descrive il 'messaggio' che Raimondo dè Sangro ha voluto trasmetterci." Trovare la pietra, nascosta nella luce, sublimando la luce nascosta. Quanto ai modi per realizzarlo, egli con la sua consueta liberalità ha voluto benevolmente indicarceli nella sua Cappella gentilizia, per il disinganno e l'educazione degli animi volti a ottenere il completo dominio sul proprio destino, esponendone i misteri con sincerità e zelo; e anche un pizzico di pudicizia, però, velata". 
Vediamo di 'entrare'in questa Cappella, che il Principe volle abbellire e utilizzare per 'criptarvi il suo sapere ermetico. Essa fu costruita nel 1590 nel giardino del palazzo della famiglia dè Sangro-al quale era collegata da un cavalcavia che rovinò nel 1889- per volere di Gian Francesco,per ospitarvi le tombe di famiglia. Rinnovata dal figlio Alessandro nel 1608-'13, fu decorata da Raimondo. In tutta la Cappella si susseguono,infatti, stupende sculture che raffigurano i personaggi della nobile famiglia ognuna con un proprio elogio, oltre a marmi policromi ed affreschi (la "Gloria dello Spirito Santo") eseguiti da Francesco Maria Russo nel 1749 per ornare la volta, e che da allora non hanno mai necessitato di restauro: colori ancora vivi che il Principe stesso realizzò con bile, vescica, urina ed interiora di animali. 
Lavori di rinforzo alla volta furono in realtà eseguiti negli anni 1988/'90 a causa del terremoto del 1980, e durante gli stessi, sarebbe stato scoperto un locale collegato a cunicoli e profonde grotte.
Nel maggio 1990 dei ladri trafugarono un dipinto ovale con l'effigie del principe, che era collocato tra due putti in gesso vicino all'altare, ma l'opera venne recuperata nel luglio 1991 e ci si accorse che qualcuno aveva tentato di 'restaurarla' di nascosto: purtroppo per gli 'ignoti', l'esecutore del dipinto aveva usato dei colori talmente particolari ('oloidrici') - da una formula ideata dallo stesso Raimondo- da rendere inefficace qualsiasi tentativo! 
Ad occhi ignari, la Cappella appare una stupenda sintesi dell'arte Barocca, con finissimi marmi e stucchi pregevoli, ma c'è qualcosa da tenere presente.

IL CRISTO VELATO

Nell'Archivio Notarile di Napoli è stato rinvenuto il contratto tra il Principe e Giuseppe Sammartino(1720-1793), scultore e artista famoso per la sua abilità. In questo contratto egli si impegna ad eseguire l'opera di una 'statua raffigurante Nostro Signore Morto al Naturale da porre situata nella cappella Gentilizia del Principe, cioè un Cristo Velato steso sopra un materasso che sta sopra un panneggio e appoggia la testa su due cuscini, apprè del medesimo vi stanno scolpiti una Corona di spine tre chiodi e una tenaglia"; il Principe si impegnava altresì di procurare il marmo e realizzare una "SINDONE,una tela tessuta la quale dovrà essere depositata sovra la scultura,dopo che il Principe l'haverà lavorata secondo sua propria creazione; e cioè una deposizione di strato minutioso di marmo composito in grana finissima sovrapposta al telo. Il quale strato di marmo dell'idea del sig. Principe, farà apparire per la sua finezza il sembiante di Nostro Signore dinotante come fosse scolpito di tutto con la statua". Il Sammartino si impegnava inoltre a ripulire detta 'Sindone'per renderla un tutt'uno con la statua stessa. E a non svelare a nessuno la 'maniera escogitata dal Principe per la Sindone ricovrente la statua". Viene concordato che l'intera opera sarebbe stata interamente attribuita al Sammartino.
Guardiamo con meraviglia questo capolavoro. Il Canova avrebbe pagato - per sua ammissione - qualsiasi prezzo per averlo, ma essa era invendibile. Il velo -quindi - NON E' DI MARMO bensì di STOFFA FINISSIMA,MARMORIZZATA CON UN PROCEDIMENTO ALCHEMICO DAL PRINCIPE, a tal punto da costituire un'unica opera con la scultura del Sammartino! 

La studiosa Miccinelli avrebbe rintracciato il documento contenente la 'ricetta'per fabbricare questo 'marmo a velo'.
Significato dell'opera: siamo di fronte ad una iconologia 'geroglifica'che mostra il connubbio tra arte ed alchimia e ci pone vari interrogativi.
Viene messo in rilievo il talento al servizio della dottrina ermetica del Principe dè Sangro.Volendo realizzare una delle immagini più enigmatiche della simbologia cristiana, ovvero la Sindone, egli voleva richiamare la 'nuova veste di gloria' che avvolgerà il corpo risorto di coloro che riusciranno a trovare la perfezione nella 'pietra filosofale'? Nel Rosarium Philosophorum- infatti - è proprio l'immagine del Cristo, che risorge avvolto nel manto glorioso, a concludere la Grande Opera.

IL DISINGANNO

Altra Statua 'ermetica' presente nella Cappella Sansevero, è questa del Queirolo, in cui vediamo che una fitta rete avvolge un uomo che si dibatte tentando di liberarsi, e accanto a lui un genio alato (il LUME) che gli sta indicando il cammino da compiersi:il piede scalzo poggia su un globo (il mondo) che raffigura l'ignoranza terrena per confluire verso la sapienza propria degli Illuminati. Simbologia che rappresenta l'Uomo che deve liberarsi dalla rete del peccato e dell'illusione per ottenere il controllo di sè stesso, finalmente purificato e perfetto.
Fonte: duepassinelmistero

mercoledì 21 marzo 2012

Après les tueries de Toulouse et Montauban - Pour une France unie, laïque et solidaire.

Date parution : 21/03/2012

Les tueries de Toulouse et de Montauban suscitent l’horreur et l’indignation dans le Pays. Lundi dernier, le Président du Conseil de l’Ordre du Grand Orient de France a adressé au Député Maire de Toulouse et au Président du CRIF une lettre dont voici la teneur :  
 
Je voudrais vous faire part de la profonde émotion du Conseil de l’Ordre du Grand Orient de France à la suite de la fusillade de Toulouse. Au-delà de notre indignation, nous pensons aux victimes, aux enfants, aux familles, aux enseignants de l’école. Voilà des années que nous dénonçons les propos qui attisent les haines au sein de la communauté nationale et que nous combattons un nationalisme rampant et destructeur, comme a pu le vivre la France dans les années 1930. Face à ces crimes insupportables, le Grand Orient de France appelle les Français, unis dans leur diversité, à défendre plus que jamais les droits de l’Homme et le combat pour la dignité.  
 
Des manifestations s’organisent partout en France au nom des valeurs républicaines. Le Grand Orient de France invite les Sœurs et les Frères à témoigner par leur présence leur attachement fondamental à une France unie, laïque et solidaire. 
 
Dimanche 25 mars, le Grand Maître et Président du Conseil de l’Ordre, Guy ARCIZET, prendra la parole à l’occasion d’un rassemblement républicain à Paris, place de la Bastille à 15 heures.   
 
 
Paris, le 21 mars 2012
 
Fonte: GODF

BASTA ! E' ORA CHE IL MONDO SI SCUOTA !

BASTA ! E' ORA CHE IL MONDO SI SCUOTA ! Fonte: G.·.M.·.E.·. Fr.·. Giuseppe Bellantonio

La Grande Loge Féminine de France exprime son indignation et sa révolte devant les actes de barbarie.

Communiqué de presse de la Grande Loge Féminine de France en date du 20 mars 2012
Les 13 500 Soeurs de la Grande Loge Féminine de France qui travaillent à latransmission des valeurs fondamentales de la Franc-maçonnerie universelle, tant en France qu’à l’extérieur du territoire de la République, expriment leur indignation et leur révolte devant les actes barbares dont sont actuellement victimes leurs concitoyens.
Elles condamnent vigoureusement ces assassinats perpétrés froidement et qui frappent des innocents du seul fait de leurs origines ou de leur religion, ainsi que tous les actes ayant pour but de briser la solidarité et la fraternité entre les êtres humains.
Les Franc-maçonnes de la Grande Loge Féminine de France tiennent à exprimer à outes les familles dans le deuil, leurs condoléances sincères et leur compassion dans le drame qui les touche.
La Grande Maîtresse de la Grande Loge Féminine de France
Denise OBERLIN

Fonte: GADLU

Communiqué du Grand Prieuré des Gaules sur les attentats de Toulouse et Montauban.

Communication du Grand Prieuré Des Gaules suite aux attentats de Toulouse et Montauban – 20/03/12 13:59
« Bien qu’il ne soit pas dans les habitudes du Grand Prieuré des Gaules de commenter la vie publique, celui-ci, face à l’horreur du drame, tient à exprimer sa compassion aux familles des personnes et des enfants tués dans les attentats à la vie commis à Montauban et à Toulouse.
Le Grand Prieuré des Gaules réaffirme son rejet total de toute forme d’exclusions et de systèmes qui ne placent pas l’amour de l’homme au centre du monde. Le sort d’aucun homme ne nous est étranger depuis l’aurore des temps. La xénophobie, le racisme, l’antisémitisme sont par nature totalement étrangers à l’humain et tout crime commis en son nom est un déicide. Le GPDG demande à tous ses membres d’associer dans leurs prières toutes les familles et communautés atteintes dans leurs corps, âmes et esprits. »

Fonte: GADLU

martedì 20 marzo 2012

Lyon - 14.04.2012: Salon du Livre et de l'Image maçonniques.

 

Salon du Livre et de l’Image maçonniques

Samedi 14 avril 2012
de 9h30 à 19h00
Espace Citoyen – Mairie du 8ème – 12 av. Jean Mermoz – LYON


Présence d’exposants d’ouvrages et de décors maçonniques
Dédicaces de livres par de nombreux auteurs lyonnais et de la région
Présence d’organisations maçonniques

De 11h00 à 19h00 : Cinq conférences-débats (dont les sujets seront précisés ultérieurement)
sur le thème : LYON, Carrefour européen de la Franc-Maçonnerie

19h15 : Conférence de clôture « La Franc-Maçonnerie européenne aujourd’hui »Intervenante : La Grande Maîtresse de la Grande Loge Féminine de France, Denise OBERLIN
apportera une parole au nom de toutes les Obédiences amies
comme elle le fit lors de son intervention devant les instances de Bruxelles

21h00 : Dîner républicain – Espace Citoyen – Prix du triangle : 20 €
Inscription obligatoire et règlement par chèque à adresser à l’ordre de l’Association Philosophique ALKEMIA
45 rue Garibaldi - 69006 LYON avant le 6 avril 2012


Loges organisatrices du Grand Orient de France : LES ENFANTS DE GAÏ, EUGENE VARLIN, ALKEMIA, EGO SUM

Fonte: GODF

Lapis Reprobatus Secretum Custoditum.


Fonte: H.·. Alberto Gallardo

XII Conferenza dell’Unione Massonica del Mediterraneo.





L'incontro si svolgerà a Lisbona, a cura del Grande Oriente Lusitano, nei giorni 30, 31 Marzo e 1 Aprile 2012

Lisbona,30 Marzo-1 Aprile 2012
La XII Conferenza dell’Unione Massonica del Mediterraneo si svolgerà a Lisbona, a cura del Grande Oriente Lusitano, nei giorni 30, 31 Marzo e 1 Aprile 2012, come da programma che si allega.
Quest’anno sarà discusso il tema “Le sfide democratiche nel Mediterraneo”, argomento di grande interesse ed attualità la cui scelta testimonia lo sforzo che sta compiendo negli ultimi anni l’Unione per inserirsi nel dibattito sulle grandi questioni mondiali e misurare la capacità della Massoneria liberale di trasferire nelle problematiche sociali contemporanee il bagaglio di principi e valori coltivati attraverso il lavoro di loggia.

Fonte: GLDI

Ordine Internazionale della Santa Spada di San Galgano Dal Bollettino del Tempio in Montesiepi

Il Cav+ Mario Petraroli è stato nominato Reggente della Precettoria di Puglia con sede a Taranto. Il Cav+ Petraroli, già M.·. Aggiunto Libero Muratore, è studioso di Storia e dottrina templare e “perfetto” cultore di Kaballah ed esoterismo ebraico. Il S.·.G.·.M.·. dell’ O.I.S.S.S.G. ha espresso viva soddisfazione per il deliberato del Gran Consiglio ed ha augurato al Fr. Cav+ Petraroli, confidando nelle sue profonde doti sapienzali e cavalleresche, i personali voti augurali di un proficuo travaglio per la diffusione dei valori e dei precetti dell’Ordine.
Montesiepi 19 marzo 2012 E.·.V.·.
 
 
Fonte: Mariano Iodice

lunedì 19 marzo 2012

Intervista esclusiva di Luca Bagatin al Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia d'Italia degli ALAM Luigi Pruneti.



Luigi Pruneti, classe 1948, scrittore e saggista fiorentino nonché docente di materie umanistiche, fine studioso di Storia, letteratura ed esoterismo, è, dal 2007, Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia d'Italia degli Antichi Liberi Accettati Muratori (ALAM) e direttore responsabile della rivista di Studi Esoterici "Officinae".
La Gran Loggia d'Italia degli ALAM è l'unica grande Obbedienza massonica italiana ad ammettere al suo interno anche le donne, nonché è diretta prosecutrice della Serenissima Gran Loggia d'Italia, fondata nel 1908 dal pastore protestante Saverio Fera, in polemica con la deriva ateistica ed irreligiosa del Grande Oriente d'Italia allora guidato dal Gran Maestro Ettore Ferrari. 
Al suo interno "militarono" esponenti di primissimo piano della letteratura e della cultura italiana quali Gabriele d'Annunzio, gli attori Totò ed Aldo Fabrizi, il fumettista Hugo Pratt e molti altri. 
La Gran Loggia d'Italia degli ALAM di cui è massimo rappresentante Luigi Pruneti, è oggi degna rappresentante della Massoneria Liberale e adogmatica in Italia, ovvero lontana dalla tradizione "dogmatica" inglese, nonché è fra i fondatori del C.L.I.P.S.A.S. ovvero l'organizzazione transazionale che raggruppa tutte le Massonerie liberali e a dogmatiche. 
Oggi Luigi Pruneti, di cui ricordiamo l'ottimo sito web www.luigipruneti.it, ci ha concesso quest'amichevole intervista per conoscere meglio la Gran Loggia d'Italia, il suo ruolo di Gran Maestro dell'Obbedienza, nonchè il presente e futuro della Massoneria in Italia ed all'estero.


 
nella foto il prof. Aldo A Mola, la compianta Anna Giacomini,

già direttrice di "Officinae" ed il prof. Pruneti
 

Luca Bagatin: La Gran Loggia d'Italia degli ALAM, come dicevamo, è la massima esponente della Massoneria Liberale in Italia. In che cosa si differenzia, innanzitutto, la tradizione massonica liberale da quella "dogmatica" di matrice inglese?

Luigi Pruneti: Le Comunioni che si dichiarano liberali rifiutano ogni sorta di sudditanza anche solo formale ad altre Obbedienze; ritengono, infatti, che la Massoneria possa prosperare solo entro una dimensione di libertà, impermeabile ad ogni dogmatismo o diktat. I confini di siffatta dimensione sono la Tradizione iniziatica, i valori latomistici, e il rispetto degli Statuti e regolamenti. I principi della Massoneria liberale sono ben espressi dall'Appello di Strasburgo del 22 gennaio 1961 che dette origine al CLIPSAS, nato per "ristabilire fra tutti i Fratelli la catena d'unione rotta dalle deprecabili limitazioni contrarie alle Costituzioni di Anderson del 1723".

Luca Bagatin: La Gran Loggia d'Italia degli ALAM, a differenza di altre Obbedienze massoniche, riunisce al suo interno sia l'Ordine che il Rito. Ed il Rito seguito è unicamente quello Scozzese Antico ed Accettato. Perché questa regola?

Luigi Pruneti:
Le origini della Gran Loggia d'Italia datano 21 marzo 1910, quando fu fondata dal Supremo Consiglio d'Italia di Rito Scozzese Antico ed Accettato. Lo Scozzesismo è dunque il DNA stesso della Comunione che perderebbe la propria identità se dovesse discostarsi da storia da tradizione. Fra l'altro il Rito Scozzese Antico e Accettato è un "ordito massonico" di eccellenza che permette a chi gli si accosta in modo appropriato un percorso spirituale completo e appagante da ogni punto di vista.

Luca Bagatin: Puoi raccontarci, brevemente, in che cosa consiste il ruolo di Gran Maestro di un'Obbedienza massonica importante come la Gran Loggia d'Italia?

Luigi Pruneti: In primo luogo è quello di punto di riferimento e di guida di tutti i Fratelli e di tutte le Sorelle; vi è poi la funzione fondamentale di depositario e d'interprete della Tradizione, di conservatore e di difensore degli Statuti, delle Leggi e dei regolamenti della Comunione. Vi sono poi i ruoli pubblici, amministrativi, di rappresentanza, di difesa dei valori massonici, di coordinamento e di promozione dell'attività' culturale e tanti altri compiti che sarebbero noioso elencare. Ti posso, comunque, assicurare che un Gran Maestro non rischia mai di annoiarsi.

Luca Bagatin: Che cosa è cambiato, oggi, rispetto ai tempi di Saverio Fera? Voglio dire, ha ancora senso, oggi, avere due grandi Obbedienze massoniche in Italia, una di matrice liberale e un'altra - il Grande Oriente d'Italia - che insegue disperatamente il riconoscimento inglese?

Luigi Pruneti: I motivi che portarono alla storica divisione del 1908 sono ormai sepolti dalla polvere, ma in oltre cento anni di percorso separato ciò che erano rami diversi di un unico ceppo sono diventati due piante distinte. Ormai vi sono differenze non solo dettate dalla storia, ma anche dalla struttura organizzativa, rituale, tradizionale. Basti pensare al fatto che la nostra è una Comunione mista o alla già ricordata unicità scozzese che ci caratterizza. Ciò non toglie che un domani possano sussistere rapporti di vicinanza e di collaborazione.

Luca Bagatin: Tu sei autore di numerose opere letterarie ed esoteriche, fra cui molte concernenti l’anti massoneria. Anche oggi, nel 2012, pur nella società dell'informazione, sembra ancora essere prevalente in Italia un forte un sentimento di massonofobia da parte della gran parte delle cultura dominante, dei media e persino della politica. Come mai, a tuo giudizio ?

Luigi Pruneti:
Il discorso è così complesso e articolato che necessiterebbe di diverse pagine per essere almeno delineato a grandi linee. Diciamo che la massonofobia peninsulare ha solide fondamenta nel passato giacché si fonda sull'idiosincrasia storica verso l'Istituzione della Chiesa Cattolica,del fascismo e del comunismo. Queste tre componenti ideologiche, seppur in maniera diversa, si fanno sempre sentire. Vi è poi un immaginario collettivo antimassonico che alimentato per oltre tre secoli da distorsioni, pregiudizi e ignoranza ha creato degli stereotipi negativi ad amplissima diffusione. La massoneria possiede inoltre alcune caratteristiche che ne facilitano da parte dell'opinione pubblica l'elezione a capo espiatorio. Pertanto quando vi è una crisi, o assistiamo a episodi inspiegabili, vi è qualcuno che attribuisce tutto ciò a una non ben definita galassia massonica. Infine alcuni non perdonano alla massoneria di impegnarsi per il risveglio delle coscienze, l'autonomia di giudizio, la libertà assoluta di pensiero. Per questo non vi è stata dittatura o tirannide che non abbia combattuta la massoneria.

Luca Bagatin:
Fra le prossime attività pubbliche che ha in serbo la Gran Loggia d'Italia degli ALAM, è previsto un convegno su informazione, disinformazione e omologazione. Puoi raccontarci qualche anticipazione?

Luigi Pruneti: Avrei proprio il desiderio di organizzare un incontro su quest’argomento. Vedi la comunicazione sta conoscendo una rivoluzione epocale ma è fondamentale che questa sia corretta e rispettosa del pensiero altrui. La rivoluzione del web è sembrata e sembra una garanzia di libertà e di democrazia. Il mare magnum d’internet è aperto a tutti e tutti possono esprimere il loro pensiero, denunciare, rivelare. Ma siamo certi che questo garantisca una visione completa e rispondente alla realtà? Il linguaggio del web è per sua natura semplice, immediato, si articola sull'indicativo, non vi è spazio per condizionali e congiuntivi. Sentenzia, non facilita riflessioni autonome, caso mai le veicola, le induce. Ciò premesso siamo sicuri che il populismo informativo di Wikipedia, le ondate emozionali dei blog, il contagio umorale della rete sia garanzia di una corretta informazione e dunque supporto di libertà? . Alessandro Barbano in "L'Italia dei giornali fotocopia "scrive: "Il problema della nostra modernità è evitare che il massimo di libertà garantito dallo sviluppo delle nuove tecnologie si traduca nel massimo di omologazione culturale". Su questi e altri temi vorrei aprire un dibattito per comprendere meglio verso quali mete stiamo navigando e individuare i pericoli che ci attendono lungo il tragitto.

Luca Bagatin: Qual è, a tuo giudizio, lo stato dell'arte della Massoneria in Italia e all'estero? Quali le sue prospettive future?

Luigi Pruneti: La situazione delle Comunioni a dogmatiche e liberali, in Europa e nelle altre parti del mondo è buona. Ovunque stanno crescendosi e potenziandosi. L'Obbedienza alla quale appartengo, ad esempio, passa un periodo estremamente positivo: il numero dei Fratelli e delle Sorelle è in costante aumento, sempre più giovani stanno bussando alle porte del Tempio, il coinvolgimento e la partecipazione sono notevoli, come pure l'orgoglio di appartenere alla grande famiglia massonica. Conosco invece poco la situazione delle obbedienze di estrazione e di schema diverso, sulle quali, pertanto, non mi pronuncio.

Luca Bagatin: Un'ultima domanda. Avremo mai, secondo te, un Gran Maestro donna in Italia?

Luigi Pruneti: Non ho una sfera di cristallo nella quale leggere il futuro; ma ritengo che i tempi siano ormai maturi e che prima o poi anche nella Penisola vi sarà un Gran Maestro donna.

venerdì 16 marzo 2012

“RINASCIMENTO DELLA TRADIZIONE”: APPENDICE.


Alla luce di qualche quesito formulatomi circa i contenuti dello scritto dedicato al "Rinascimento della Tradizione" - pur se detto elaborato non intendeva cristallizzare alcuna definizione, ma solo porgere alla comune attenzione delle tesi ovvero delle antitesi - ritengo utile evidenziare degli altri concetti tentando di non cadere nel nozionismo di cose già dette e ri-dette, ovvero sapute e ri-sapute: soprattutto nel contesto di quei Massoni che, per favorire la propria crescita interiore e per passione, studiano e si confrontano in modo ampio e costruttivo. Senza preconcetti ed a tutto campo.
Iniziamo ab ovo, così da comprenderci: cosa dobbiamo intendere per Tradizione? 
“RINASCIMENTO DELLA TRADIZIONE”: APPENDICE
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 

Fonte: G.M.E. Fr.·. Giuseppe Bellantonio

giovedì 15 marzo 2012

Incontro annuale del CLIPSAS, organizzato dalla Gran Loggia del Marocco, a Casablanca il 18 e 19 Maggio 2012.


Il consueto incontro annuale del CLIPSAS che prevede un Colloquio (conferenza aperta a tutti) e l’Assemblea Generale delle Obbedienze Membri si terrà quest’anno all’Oriente di Casablanca, su organizzazione della Gran Loggia del Marocco.
Il Colloquio, che avrà per tema “La gioventù di oggi e la Massoneria” si terrà il giorno 18 maggio, mentre l’Assemblea Generale avrà luogo il giorno successivo.
Come sempre sono previste attività alternative per gli accompagnatori, una cena di gala al termine della Assemblea Generale ed una Tornata Rituale Internazionale di chiusura la mattina di domenica 20 maggio.
Il CLIPSAS vanta nel suo seno 71 Obbedienze rappresentative di tutti i continenti a schema liberale, ed ha recentemente acquisito lo status di Membro Osservatore dell’ECOSOC presso le Nazioni Unite. Sul sito Internet del CLIPSAS (www.clipsas.org.) potrete trovare esaustivi riferimenti storici ed istituzionali su questa importante associazione massonica internazionale. 
 
Fonte: GLDI

mercoledì 14 marzo 2012

A.S.M. - Associazione per la Storia Massonica: Comunicato.

Fonte: A.S.M. - Associazione per la Storia Massonica

martedì 13 marzo 2012

Firenze - 17 Marzo 2012: BERESHIT dal Principio della Genesi al 2012: fine annunciata o nuovo inizio?



Relazione Introduttiva di Valter Bencini

E’ possibile organizzare un Congresso che cita il 2012 come fine annunciata, senza parlare della famosa profezia Maia? La risposta è senza dubbio si. Abbiamo voluto nel titolo del convegno creare una provocazione ma è certo che la nostra visione positiva delle cose ci fa protendere per un Inizio, o meglio un nuovo Inizio, non disgiunto dalle informazioni che ci vengono dal passato che, magari il potere politico e religioso in questi secoli, ha occultato o interpretato male, talvolta casualmente in altri casi volutamente. E’ oramai entrato nel pensiero comune che il 21 Dicembre 2012  sia  la data del calendario Gregoriano nella quale, secondo alcune aspettative e profezie, si dovrebbe verificare un evento, non meglio precisato come natura e di proporzioni planetarie, capace di creare una profonda discontinuità storica con il passato: una radicale trasformazione dell'umanità in senso spirituale oppure  la fine del mondo. L’evento atteso viene collegato temporalmente alla fine di uno dei cicli (b'ak'tun) del calendario Maya. Nessuna di queste profezie ha alcun fondamento scientifico e sono state più volte smentite dalla comunità geofisica e astronomica. Anche la maggioranza degli studiosi di storia Maya confuta queste affermazioni. Accettiamo che questa data sia oramai entrata nell’immaginario collettivo, ma lasciamo volentieri il campo ad altri convegni ed altri studiosi di trattarla. Cenacolo salomone si occupa di esoterismo, arte sacra, misteri e li esamina, attraverso saggi ed amici studiosi, come in questo caso, con la mente aperta a 360°. Dopo numerose conferenze organizzate, abbiamo deciso di provare qualcosa di diverso: un evento che riunisse concretamente più relatori, dandoci modo di ascoltare differenti tesi di ricerca e arricchirci dal confronto delle medesime. Per questo è nato il nostro 1° Congresso.  Cerchiamo la verità, ben consapevoli, che in taluni casi non ne esiste una sola. Auspichiamo perciò, un sereno svolgimento dei lavori, con rispetto per le tesi dei relatori ma anche di quelle che verranno espresse dal pubblico. Passeremo dall’antica storia dei sumeri, degli egizi, del popolo ebraico a concetti di filosofia di vita ciclica e non più lineare, da elementi che indicano possibili contatti con civiltà extraterrestri dalla cultura avanzata  ad applicazioni attuali e possibili nel mondo scientifico e tecnologico in grado di produrre risparmio energetico, esigenza più che primaria come etica di vita in generale e ancora di più  in tempi di crisi come quelli che caratterizzano la nostra epoca attualmente. E’ chiaro che affrontare questi temi porta inevitabilmente da parte dei relatori, nonché per il Cenacolo Salomone, che organizza, ad esporsi  su un piano che è politico e religioso ma vorrei anche precisare che nessuna convinzione personale politica e religiosa sarà messa in dubbio. La fede ed il convincimento partitico sono un fatto estremamente individuale che non deve essere scalfito da una manifestazione Culturale. Per questo è mio dovere avvertire che i Presidenti di Sessione non daranno spazi ad “Interventi” del pubblico che siano “Contro”. Ognuno dirà serenamente la sua verità nel massimo rispetto per l’altro; non ci sarà spazio neppure per interventi politici e religiosi perché vorrebbero significare una scelta nel merito, che non rientra proprio tra le caratteristiche del Cenacolo che fa della Tolleranza la sua bandiera.  Mi piace ringraziare in questa occasione gli amici consiglieri del Coordinamento del Cenacolo (Vittorio Vanni, Roberta Bianchi, Fabrizio Sappia, Matteo Marliani) che hanno condiviso con me il progetto di questo evento e la sua realizzazione, il personale della segreteria, tutti gli amici che hanno collaborato alla riuscita dell’evento, l’Hotel Mediterraneo per l’assistenza fornitaci e per l’ambiente messoci a disposizione, Elena Arthea Frasca Odorizzi per la ideazione grafica del depliant, Mauro Bonanno ed il gruppo editoriale Tipheret per la stampa degli atti del Congresso e dei depliant, Mauro Biglino per l’amichevole e fraterna assistenza fornita per la riuscita di questo evento. Con queste premesse, auguro a tutti buon lavoro.


Fonte: Valter Bencini

lunedì 12 marzo 2012

Milano - 17 Marzo 2012 - La sfida per il domani: La riscoperta dell'uomo e della spiritualità.


Fonte: Fr.·.Giannetto Giuseppe

Vibo Valentia - 24 marzo 2012 - Maestri di Armonia e operai della Speranza. In Calabria è formazione permanente.

Seminario di approfondimento "In loggia con senno, benefizio e giubilo"

Sabato 24 marzo al 501 Hotel di Vibo Valentia (Viale Bucciarelli), alle 10, si terrà il Seminario di approfondimento "In loggia con senno, benefizio e giubilo". Il seminario, organizzato dal Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Calabria, prevede interventi di: Sergio Tursi Prato, Consigliere dell'Ordine; Nino Marcianò, Consigliere dell'Ordine; Ernesto d'Ippolito, Gran Maestro Onorario del GOI; Vincenzo Ferrari, Oratore del Collegio Circoscrizionale Calabria; Giuseppe Messina, Consigliere dell'Ordine; Serafino Lefosse, Segretario del Collegio Circoscrizionale Calabria; Ennio Palmieri, Segretario del Consiglio dell'Ordine; Giuseppe Lombardo, ex Presidente del Collegio Circoscrizionale Calabria; Antonio Carneri, Consigliere dell'Ordine; Raffaele Scarfò, Vice Presidente Collegio Calabria.
I lavori saranno condotti dal Presidente del Collegio della Calabria, Antonio Seminario. A tracciare le conclusioni, il Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d'Italia, Antonio Perfetti.

 Fonte: GOI

sabato 10 marzo 2012

giovedì 8 marzo 2012

Per un “ RINASCIMENTO DELLA TRADIZIONE ”


“ RINASCIMENTO DELLA TRADIZIONE ”
“...In attesa”: queste le parole con le quali ho esaurito l'ultimo, in ordine di tempo, mio intervento nel ciclo “MASSONERIA DA SFOGLIARE ”. 
Un'attesa che ad oggi si è consumata mentre tutt'intorno maturavano tanti avvenimenti, ma anche mentre prendeva vigore un giusto desiderio di cambiamento nel cuore di quanti - legati da forti sentimenti all'Arte Reale - trovano nutrimento nelle Antiche Tradizioni. Un patrimonio che, secolo dopo secolo, ha prodotto quel complesso di Alti Ideali originati dalle diverse culture e Tradizioni sapienziali.
Ora, taluni segni lasciano intendere che i tempi dell'attesa stiano mostrando il loro logorio, sottoposti come sono alle tensioni ed alle pressioni di quanti vogliono liberarsi da vincoli, lacci e laccioli che – ancorché “imprigionarli” sotto l'aspetto materiale – li vincola sotto l'aspetto animistico, rallentando fortemente i processi di “crescita interiore e spirituale”.
Per un “ RINASCIMENTO DELLA TRADIZIONE ”

  
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte.


Fonte:  G.M.E. Fr.·. Giuseppe Bellantonio

Per tutte le Donne !!! For all Women !!! Pour toutes les Femmes !!!


martedì 6 marzo 2012

Firenze - 10 Marzo 2012 - Convegno: Amici Compagni Fratelli - Il Diritto Umanitario e le Compagnie di Assistenza dopo l' Unità d' Italia.

Fonte: Fr.·. Cristiano Franceschini

Catanzaro - 10 Marzo 2012: Commemorazione dei defunti.

Fonte: Fr.·.Giannetto Giuseppe

Messina 11 Marzo 2012: Commemorazione dei defunti.

Fonte: Fr.·.Giannetto Giuseppe

Cagliari 9 marzo 2012 - Convegno su Giorgio Asproni

CONFERENZA DIBATTITO

CAGLIARI 9 MARZO 2012 ORE 17.00
Sala Conferenze - Biblioteca Regionale - Cagliari - Viale Trieste 137

Non dobbiamo pensare che il processo della ritrovata unità nazionale sia concluso; tutt'altro, si tratta di un problema ancora aperto, che merita ancora tanta riflessione da parte di tutti.
Con questa motivazione l'associazione cagliaritana, intitolata a Giorgio Asproni promuove l'incontro al quale prenderanno parte tra gli altri, gli studenti di diverse scuole cagliaritane.
L'incontro ha anche lo scopo di fare un bilancio sulle celebrazioni per il 150° dell'unità d'Italia ed allo stesso tempo intende stimolare la riflessione sul valore dell'Unità nazionale.
Le celebrazioni per il 150° dell'unità d'Italia, hanno infatti acquisito un valore inaspettato che va oltre la dimensione celebrativa o dell'approfondimento culturale della storia del nostro paese. Le iniziative del 150° hanno obbligato le Istituzioni, il mondo della politica ma anche la popolazione a riscoprire l'unità nazionale e a dare un senso dell'identità italiana che fosse valido per il presente e per il futuro. 


Fonte: GOI

giovedì 1 marzo 2012

Fr.·. Domenico Vittorio Ripa Montesano.·. - Oriente di Roma - 1 Marzo 2012 dell’E.·.V.·. - “Primum Tempus”

Sul Crinale... 
"In questo tracciato, mi rivolgo a tutti i FF.·. desiderosi di condividere un tentativo d’analisi sul malessere che da tempo affligge la Libera Muratoria Italiana.
Senza ipocrisia e senza nostalgici rimpianti, vorrei con l’aiuto dei Figli della Vera Luce a prescindere dall’Obbedienza di provenienza, confrontarmi su di un aspetto non edificante, al quale sempre più spesso assistiamo e che avviene principalmente nella rete. 
La Massoneria non è clangore di scudi, ma fraterna tolleranza, non è pertanto edificante questa virulenta confliggenza fra Comunioni e singoli Fratelli che le Governano."

Sul Crinale
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 

Fonte: Fr.·. Domenico Vittorio Ripa Montesano.·.

La Stampa: La Massoneria regala cinque defibrillatori.


Fonte: La Stampa